Ikea ha deciso di interrompere la pubblicazione del suo famoso catalogo cartaceo dopo 70 anni

“Il comportamento dei consumatori è cambiato e meno persone leggono il catalogo Ikea rispetto a qualche anno fa”, ha spiegato il colosso dei mobili svedese in un comunicato. Il catalogo datato 2021 ma uscito dall’estate 2020″ è stato dunque l’ultimo ad essere distribuito, come ha confermato in un comunicato stampa.

Inutile dire che i fan di IKEA non hanno preso bene la notizia.  Sui social si leggono messaggi di persone che sono addolorate per la scomparsa del catalogo: “E’ sempre stato qualcosa di positivo da aspettarsi ogni anno” – afferma una lettrice – “A parte le idee pratiche e le belle cose nel catalogo, per noi è stato come una sorta di manuale a cui fare riferimento durante tutto l’anno”.
E ancora: “In un anno come questo, ho particolarmente desiderato la normalità e la fuga generata nel catalogo, per quanto sciocco possa sembrare. Adesso è un’altra parte della vita che deve diventare solo un ricordo, e niente di più”.
Un altro lettori spiega che “questa è una perdita di tradizioni, valore a livello personale e una certa misura di speranza. Sono affranto.”

Dove si trova il catalogo IKEA?

Dopo 70 anni IKEA ha dunque salutato il suo catalogo cartaceo. Adesso le storie del catalogo che abbiamo conosciuto e amato prendono vita nelle nuova sezione Case. Qui troveremo consigli, idee e soluzioni che normalmente troveresti nel catalogo IKEA, per rendere la nostra casa sostenibile, accessibile e conveniente.

Il catalogo IKEA: una storia straordinaria di 70 anni

Durante gli anni il catalogo della casa svedese era diventato una pubblicazione iconica, molto amata dai clienti, e per IKEA ha rappresentato un importante fattore di successo per raggiungere e ispirare la maggioranza delle persone in tutto il mondo con soluzioni e prodotti per l’arredamento della casa. Tuttavia, i tempi stanno cambiando.

IKEA è diventata più digitale e accessibile e ha adottato nuovi modi di interagire con un maggior numero di persone. Il comportamento dei clienti e il consumo dei media è cambiato, e il catalogo IKEA è utilizzato meno

Lanciato in Svezia nel 1951 dal fondatore di Ikea Ingvar Kamprad, il catalogo, tra le pubblicazioni più stampate al mondo, ha raggiunto la sua tiratura record nel 2016, con 200 milioni di copie in quasi 50 paesi e 32 lingue. L’ultimo catalogo è stato stampato in 40 milioni di copie.

La decisione di dire addio al catalogo IKEA va di pari passo con il percorso di trasformazione continua di IKEA, che è diventata più digitale e accessibile, un percorso di cui IKEA ha già toccato numerose tappe. Lo scorso anno le vendite al dettaglio online sono aumentate del 45% in tutto il mondo, IKEA.com ha ricevuto più di quattro miliardi di visite e, allo stesso tempo, abbiamo migliorato i nostri servizi digitali e lanciato nuove app per un’esperienza IKEA migliore in tutti i canali utilizzati dai clienti.

Un catalogo che è stato anche preso di mira da parodie, alcune ben fatte dobbiamo dire, come la seguente, che prende un po’ in giro un altro brand molto famoso a forma di mela rosicchiata che vende device come smartphone e computer.

Curiosità sul catalogo IKEA

IKEA ha iniziato come società di vendita per corrispondenza. Ingvar Kamprad, allora un semplice adolescente, inviò un catalogo chiamato IKEA-Nytt, vendendo piccoli oggetti come penne, orologi e cinture. Ha iniziato ad aggiungere mobili alla fine e nel 1951 ha stampato 285.000 copie di quello che sarebbe stato conosciuto come il primo catalogo IKEA. La copertina presentava la poltrona MK con rivestimento marrone, successivamente reintrodotta come STRANDMON.

catalogo ikea 1951
Il primo catalogo IKEA
  • 1951: Ingvar Kamprad in persona realizza il primo catalogo IKEA, che vede in copertina la poltrona MK con imbottitura marrone. Il catalogo, di 68 pagine, viene stampato e distribuito in 285.000 copie nel sud della Svezia. Scritto in svedese.
  • 1998: viene pubblicato in Internet il primo catalogo “IKEA ufficio”, un’edizione speciale che proponeva solo mobili per l’ufficio/l’azienda. Quell’anno l’ambizione era di presentare l’intero catalogo online, ma a causa della complessità dei sistemi informatici il lancio venne rinviato.
  • 2000: lancio della versione cartacea e digitale del catalogo IKEA.
  • 2001: per la prima volta nella storia di IKEA, viene lanciata l’attività di e-commerce in Svezia e Danimarca.
  • 2016: nel suo anno di massimo splendore, il catalogo IKEA viene distribuito in 200 milioni di copie, in 69 diverse versioni, 32 lingue e in oltre 50 mercati.

Ma nelle famose parole di Ingvar Kamprad, mi rallegro che “la maggior parte delle cose resti ancora da fare. Un futuro glorioso!”

PIACIUTO L’ARTICOLO?  

Il modo migliore per farcelo sapere è mettendo un “Like” o un “segui” sui social che preferite

Facebook: @Interiorissimi
Instagram: @interiorissimi
Linkedin: https://www.linkedin.com/company/77026584
Twitter: https://twitter.com/impresa_web

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui