Kurs Orbital, un’impresa emergente italiana operante nel settore aerospaziale, ha ottenuto un finanziamento seed di 3,7 milioni di euro per espandere la propria presenza nel mercato dei servizi e della logistica orbitale con le sue soluzioni di punta.

Questa fase di finanziamento è stata predominata dall’investitore principale OTB Ventures, una delle principali società europee focalizzate su tecnologie avanzate (DeepTech), e ha visto la partecipazione di vari investitori, tra cui Credo Ventures e Galaxia (parte dell’iniziativa di CDP Venture Capital per l’aerospazio, insieme a Obloo Ventures, Piemonte Next – un fondo di co-investimento regionale gestito da CDP Venture Capital e supportato da Finpiemonte per incentivare l’innovazione locale), oltre a In-Q-Tel (IQT) e Inovo.

Il cofondatore di Kurs Orbital, Volodymyr Usov, già direttore dell’Agenzia Spaziale ucraina, ha deciso di scommettere sull’ecosistema piemontese: “Torino l’ecosistema perfetto”

Lanciata nel 2022 e attualmente incubata presso l’I3P, l’Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino, all’interno del programma ESA BIC Turin, Kurs Orbital si propone di rendere accessibili le operazioni di assistenza in orbita, inclusi servizi come la rimozione di detriti spaziali, il trasferimento orbitale di satelliti, la loro deorbitazione e ispezione, attraverso l’uso di tecnologie affidabili ed economiche di incontro e aggancio. Grazie al suo modulo ARCap rivoluzionario, la startup punta a consentire alle aziende del settore di assistenza e logistica spaziale di espandere le loro operazioni in orbita in modo economicamente sostenibile.

Il finanziamento iniziale acquisito da Kurs Orbital sarà impiegato per finalizzare la realizzazione del loro primo prototipo di volo. Questo passaggio cruciale faciliterà l’accelerazione dei test complessivi e permetterà l’ampliamento del loro team. L’obiettivo di Kurs Orbital è posizionarsi come leader nel fornire questa tecnologia innovativa. Il modulo ARCap rappresenta una soluzione standardizzata per il rendezvous, progettata per essere facilmente incorporabile in diverse piattaforme, inclusi satelliti, veicoli per il trasferimento orbitale (OTV), navi cargo o da equipaggio, o bus spaziali. Questo modulo offre alle aziende cliente la flessibilità di eseguire varie operazioni come il trasporto spaziale, il prolungamento della durata operativa dei satelliti, servizi di assistenza in orbita, la rimozione di detriti spaziali, tra le altre funzionalità.

Aerospazio e biotecnologie: Torino incubatore delle Startup del futuro

Articolo precedenteAerospazio e biotecnologie: Torino incubatore delle Startup del futuro
Articolo successivoSicurezza domestica: guida completa per la scelta della porta blindata
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui