Strelitzia nicolai è una pianta davvero ricca di fascino, ideale per chi desidera abbellire gli ambienti interni con uno stile esotico; appartenente alla famiglia delle Musaceae, è “cugina” di un’altra pianta molto nota ed apprezzata, ovvero Strelitzia reginae.

Cosa accomuna queste due piante Strelitzia?

La Strelitzia reginae è conosciuta anche come Uccello del Paradiso, un appellativo dovuto ai suoi fiori a dir poco particolari che sembrano essere un variopinto uccello esotico posato sulle sue foglie.

Anche i fiori di Strelitzia nicolai sembrano degli uccelli, ma con una differenza: essi sono molto più grandi rispetto a quelli della Strelitzia reginae e presentano una colorazione più chiara.

In virtù di questa sua caratteristica, la Strelitzia reginae è chiamata Uccello del Paradiso Gigante, proprio perché i suoi fiori hanno una grandezza maggiore rispetto alla pianta Uccello del Paradiso, oppure Uccello del Paradiso Bianco, per via della sua colorazione.

Non è raro, inoltre, che questa pianta venga confusa con il Banano, essendo effettivamente piuttosto simile, soprattutto per quel che riguarda le foglie, ma si tratta in realtà di specie ben distinte.

Non esitiamo, dunque, ed andiamo a scoprire qualcosa in più su questo pianta meravigliosa!

Principali caratteristiche della Strelitzia nicolai

Iniziamo col dire che sebbene si stia parlando di una pianta suggestiva ed esotica, essa non è affatto complessa nella sua gestione, inoltre può essere individuata piuttosto facilmente in commercio, anche sul web: gli e-commerce specializzati nella vendita di arbusti on line come Codiferro, infatti, la includono sempre tra le proprie proposte.

La Strelitzia nicolai è, giust’appunto, un arbusto, una pianta sempreverde cespugliosa, molto longeva, che colpisce per le grandi dimensioni delle sue foglie, prive di stelo, una caratteristica che la rende estremamente decorativa anche nei periodi in cui non è fiorita.

Il periodo di fioritura della Strelitzia nicolai è piuttosto ampio, e spazia indicativamente da maggio a dicembre, in modo intermittente; molto dipende, ovviamente, dalle modalità con cui la pianta viene coltivata.

I fiori, che come detto sono assai particolari e di grande impatto visivo, sono prevalentemente bianchi, ma non sono rare sfumature sul blu, o anche sul viola; a seguito della fioritura, sulla pianta compaiono anche dei piccoli frutti, i quali si presentano come una capsula legnosa.

Una pianta di semplice gestione, perfetta per gli ambienti indoor

Come si diceva, Uccello del Paradiso Gigante non presenta particolari necessità: da buona pianta esotica, è infatti tipica dell’Africa Meridionale e del Sud America, ama le temperature calde e soprattutto la luce diretta del sole.

Strelitzia nicolai è assolutamente una pianta da appartamento, le sue caratteristiche, infatti, la rendono perfetta per gli spazi indoor, bisogna però avere l’accortezza, come si diceva, di garantirle una buona dose di luce naturale quotidiana; può essere coltivata anche all’esterno se il clima della zona è abbastanza mite, avendo cura di evitare di esporla a temperature molto rigide.

È una pianta che può raggiungere dimensioni importanti, ma che comunque, sviluppandosi prevalentemente in altezza, non è molto ingombrante, e anche questo è un prezioso punto a favore; un vaso di medie dimensioni è più che sufficiente affinché possa star bene.

Non vi sono esigenze particolari neppure per quel che riguarda la potatura, è sufficiente limitarsi a rimuovere eventuali foglie morte, infine è utile sottolineare che il suo prezzo è assolutamente accessibile, soprattutto se lo si rapporta alla sua bellezza e alla sua particolarità.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui