L’industria spaziale “Made in Italy” sta vivendo un periodo di notevole crescita, dimostrando capacità tecnologiche di rilevanza internazionale. Un esempio tangibile è l’azienda torinese Argotec, specializzata nella produzione di satelliti di piccole dimensioni, che ha annunciato l’11 ottobre un investimento multimilionario per avviare le sue operazioni negli Stati Uniti e costruire un nuovo stabilimento di produzione a Largo, nel Maryland. Questo investimento ammonta a 25 milioni di dollari e prevede la creazione di una struttura di oltre 6000 metri quadrati, che comporterà circa 100 nuovi posti di lavoro nella zona e servirà per progettare, sviluppare, costruire, testare e monitorare satelliti.

Argotec e la sua nuova sede italiana, lo “Space Park” a San Mauro Torinese

Questo spazio di 11.500 metri quadrati, situato nelle ex-Cartiere Burgo, comprende anche 17.000 metri quadrati di spazi verdi aperti al pubblico, di cui 1.200 metri quadrati sono dedicati ad imprese, incubatori e start-up. Lo “Space Park” sarà una facility all’avanguardia con l’obiettivo di produrre un satellite a settimana, secondo quanto dichiarato da Avino.

Il CEO e fondatore di Argotec, David Avino, ha sottolineato l’importanza di essere vicini ai propri clienti e allo stesso tempo di diventare un’azienda statunitense. Il nuovo amministratore delegato di Argotec negli Stati Uniti è Corbett Hoenninger, un ex vicepresidente senior dell’ingegneria di Sierra Space e un ex controllore di volo e addestratore di astronauti della United Space Alliance.

Il primo prodotto che verrà fabbricato nella nuova struttura statunitense di Argotec è lo Universal Space Transponder-Lite (UST-Lite), una Software-Defined Radio progettata per migliorare la radiofrequenza per i satelliti nello spazio profondo e agevolare il sistema di ritrasmissione interplanetario. Questo progetto avanzato di comunicazioni spaziali è una collaborazione con il Jet Propulsion Laboratory della NASA ed è essenziale per le comunicazioni tra la Terra, la Luna e Marte, nonché tra i vari lati della Luna.

Negli ultimi due anni, Argotec ha ottenuto riconoscimenti per due cubesat inviati nello spazio profondo, entrambi realizzati per l’Agenzia Spaziale Italiana in missioni NASA. ArgoMoon è stato lanciato con Artemis 1 nel 2022, mentre LiciaCube ha catturato immagini dell’impatto del satellite Dart sull’asteroide Dimorphos e ha ricevuto il premio dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics come “Small Satellite Mission of the Year.”

Move to reality: decolla a Torino la Città dell’Aerospazio

Articolo precedenteSorry, something went wrong: cosa fare se compare su Facebook questo messaggio
Articolo successivoDialoghi di Spazio: La Dicotomia tra Creazione e Percezione nell’Architettura
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e al design Ha fondato ADI - Agenzia Digitale Italia, per la diffusione di notizie stampa su media web, radio e TV locali e nazionali Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui