Arriva anche a Venezia, a Pramaggiore, nella cantina Stajnbech, il progetto Big Bench Community Project, le panchine giganti per favorire e promuovere i territori.

La panchina è la prima in assoluto in provincia di Venezia e la sesta in Veneto, La cantina Stajnbech ha infatti aderito al Big Bench Community Project, il progetto internazionale ideato dal designer statunitense Chris Bangle, volto a promuovere e favorire i territori, le comunità locali, il turismo e le eccellenze artigiane.

Chris Bangle sul futuro del design automobilistico: auto elettriche e sperimentazione delle forme

Una seduta fuori scala, alta 2 metri e 30 per una lunghezza di 3 metri e 20, dal colore fresco e giovanile, proprio come i ricordi d’infanzia, la panchina gigante gialla e bianca è un punto luce tra i vigneti di Casa Vecchia, in località Belfiore di Pramaggiore, a pochi passi dalla sede dell’azienda vinicola.

“Abbiamo scelto i colori della nostra Big Bench, giallo e bianco, ispirandoci alla distesa di fiori che in primavera ricopriva i prati – spiega Rebecca Valent di Stajnbech – Non a caso è chiamata panchina della felicità perché seduti qui, su questa vera e propria opera d’arte immersa nei nostri vigneti, in un punto panoramico vicino al fiume Loncon, si può ammirare il territorio circostante da un osservatorio inedito, con le stesse emozioni di stupore e meraviglia di quando si era bambini e tutto ci sembrava grandissimo.”

La panchina è facilmente raggiungibile tramite segnaletica e nonostante sia di proprietà della cantina, è possibile accedere in qualsiasi momento, tutti i giorni della settimana.

Ai “panchinisti” in visita viene anche rilasciato uno speciale passaporto, che consente di collezionare i timbri di tutte le panchine giganti finora realizzate in Europa. Al momento sono 297, quella di Pramaggiore è la numero 293 e, come ha sottolineato il sindaco Fausto Pivetta in occasione dell’inaugurazione, rappresenta un valore aggiunto per il paese e verrà inserita come attrazione turistica nei riferimenti del Comune. La cantina Stajnbech vi aspetta inoltre all’evento “Cantine aperte” per condividere un’esperienza unica e un momento per ritrovare se stessi, sorseggiando un ottimo vino e ammirando dalla Big Bench un panorama incantevole immerso tra la natura.

Per approfondire sul progetto BBCP: https://bigbenchcommunityproject.org/

Stajnbech

È un’azienda vitivinicola a conduzione familiare situata a Pramaggiore (VE), tra Venezia e Trieste, nel cuore di una terra dal ricco passato, anticamente chiamata il Vigneto della Serenissima. Risale al 1990 il primo vigneto piantato da Giuliano Valent e Adriana Marinatto, che poi nel 1991 fondano la cantina. Nata dall’ambizione di raccontare una storia in un bicchiere di vino, questa realtà veneta si distingue per la cura meticolosa riservata ad ogni fase della produzione.

Da sempre infatti, Giuliano e Adriana hanno scelto di puntare alla qualità, ricercando costantemente l’eccellenza, applicando una filosofia che crede nel valore di un prodotto sincero e genuino, e nella passione per il proprio lavoro. Uno stile perfettamente racchiuso nel motto di famiglia: “Coltiviamo Armonie”. Le armonie per Stajnbech sono quelle della natura ma anche delle persone che condividono i medesimi valori di professionalità e dedizione, uniti all’amicizia e al senso di condivisione, tutti elementi che risuonano tra vigneti, cantina e azienda come in una grande sinfonia corale. L’area in cui sorge la cantina, al confine tra Veneto e Friuli, gode di un clima temperato che unito al suolo ricco di argille grigie consentono alla vite la sua massima espressione.

Dai 17 ettari di uve di proprietà, rigorosamente selezionate, si producono vini artigianali di altissima qualità, ottenuti ponendo molta attenzione al rispetto dell’ambiente sotto il segno dell’ecocompatibilità, in vigneto come in cantina. I vini si distinguono per la spiccata personalità che sanno esprimere e raccontano le tradizioni enologiche del Veneto, coniugandole coi gusti internazionali. Le linee di produzione si dividono in Superiori e Classici ai quali si aggiunge anche la bollicina, con il nuovo metodo classico pas dosé. Negli anni, Stajnbech si é affacciata con successo al mercato internazionale, dove oggi gode di un posizionamento ben definito. La personalità dei vini ha conquistato nel tempo un pubblico di esperti e intenditori, raccogliendo importanti consensi ai più prestigiosi concorsi enologici.

Maria Josephina Cannizzaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui