La legge europea impone la fine degli incentivi a partire dal 2025 e vieta le caldaie dal 2040: ci sono 5 milioni di abitazioni in Italia che necessiteranno di ristrutturazioni

La normativa europea sulle “case green” mira a promuovere l’efficienza energetica negli edifici stabilendo rigide norme sia per le nuove costruzioni che per gli edifici esistenti. L’adozione di questa direttiva dall’Unione Europea, con 370 voti favorevoli, 199 contrari e 46 astensioni, introduce standard energetici più severi per ridurre le emissioni e il consumo di energia entro il 2030, puntando alla neutralità climatica entro il 2050.

Tra le misure specificate, gli edifici privati di nuova costruzione dovranno essere a emissioni zero dal 2030, termine anticipato al 2028 per edifici di proprietà o occupati da enti pubblici. Gli edifici residenziali esistenti negli Stati membri dovranno ridurre il consumo energetico medio del 16% entro il 2030, con ulteriori riduzioni previste per il 2035. Viene inoltre stabilito un obiettivo di ristrutturazione per i non residenziali con bassa efficienza energetica, e l’introduzione di requisiti minimi nazionali per l’efficienza energetica.

L’installazione di impianti solari diventa obbligatoria per nuovi edifici residenziali e, ove tecnicamente possibile, per edifici pubblici e non residenziali entro il 2030. Infine, la direttiva promuove la decarbonizzazione, chiedendo ai paesi dell’UE di eliminare gradualmente i combustibili fossili nei sistemi di riscaldamento e raffreddamento entro il 2040, e vieta i bonus per le caldaie a combustione fossile dal 2025, favorendo invece i sistemi di riscaldamento basati su energie rinnovabili.

Articolo precedenteSintesi additiva e sottrattiva dei colori
Articolo successivoSinergie Artistiche: Dialoghi Post-Pop tra Design, Fotografia e Serigrafia all’Open ADA di Torre Pellice
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui