Nonostante vi sia una certa concorrenza sul mercato, come ad esempio Google Bard, ChatGPT rimane il chatbot basato su intelligenza artificiale più diffuso e utilizzato globalmente. Si potrebbe dire che ChatGPT, sviluppato da OpenAI, ha giocato un ruolo fondamentale nell’inizio della rivoluzione che stiamo attualmente vivendo. L’organizzazione no-profit ha annunciato una serie di miglioramenti volti a arricchire l’esperienza degli utenti nell’uso di questo chatbot.

L’intelligenza artificiale non ti porterà via il lavoro: lo faranno coloro che la usano!

OpenAI ha condiviso in dettaglio su una piattaforma diversa da Twitter (poiché il marchio Twitter è ormai superato) come intende migliorare l’esperienza con ChatGPT nella prossima settimana. Le novità in arrivo sono sei e si presentano nel modo seguente:

  1. Esempi di avvio: Per rendere meno intimidatoria la pagina iniziale di una nuova chat, verranno mostrati alcuni esempi per agevolare l’inizio di una conversazione.
  2. Suggerimenti di risposta: Per approfondire e ottenere ulteriori informazioni su un argomento, sarà sufficiente un clic. ChatGPT fornirà suggerimenti di risposta per agevolare la prosecuzione della conversazione.
  3. GPT-4 come modello predefinito: Gli utenti Plus non dovranno più selezionare manualmente GPT-4 all’inizio di ogni chat. Il sistema ricorderà la preferenza del modello selezionato, evitando la necessità di un cambio manuale.
  4. Caricamento di più file: Gli utenti Pro avranno la possibilità di far analizzare dati e ricevere opinioni su più file utilizzando la versione beta di Code Interpreter.
  5. Novità nell’accesso: Non sarà richiesto un nuovo accesso a ChatGPT ogni due settimane e la pagina di benvenuto subirà un restyling.
  6. Scorciatoie da tastiera: Presto saranno disponibili scorciatoie da tastiera su ChatGPT, semplificando e velocizzando diverse azioni, come la copia di blocchi di codice.

Tutte queste migliorie pianificate da OpenAI per ChatGPT saranno attive a partire dalla prossima settimana, senza specificare una data precisa. Inoltre, ChatGPT è ufficialmente disponibile anche come applicazione per dispositivi iOS e Android.

ChatGPT in Italia: solo l’8% la utilizza ma il 75% la trova utile

Articolo precedenteCome si calcola il QI: il proprio Quoziente Intellettivo
Articolo successivoEngel & Völkers, immobiliare del lusso, approda a Sassari
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui