Il nuovo modello di OpenAI si chiama Sora, traduzione giapponese di cielo

OpenAI continua a espandere i confini dell’intelligenza artificiale con il lancio di Sora, una rivoluzionaria piattaforma che trasforma descrizioni testuali in video.

Questa innovazione, illustrata dal cofondatore Sam Altman attraverso esempi su X, dimostra il potenziale sorprendente di questa tecnologia, sebbene sia ancora nelle fasi iniziali.

La cautela è però la parola d’ordine, come evidenziato dalla preoccupazione di Altman riguardo le implicazioni etiche e i rischi di abuso, che hanno ritardato il rilascio pubblico di Sora.

OpenAI, insieme a partner come la BBC e il New York Times nel consorzio C2pa, sta lavorando su etichette per segnalare i contenuti generati dall’IA, mirando a prevenire la diffusione di video ingannevoli.

Nonostante le precauzioni, la tensione tra il potenziale positivo e i rischi di abuso dell’IA rimane un tema caldo.

Sora si distingue nel panorama delle IA creative, offrendo la possibilità di creare video fino a 60 secondi con effetti di multi-camera, un passo avanti rispetto ad altre soluzioni come Lumiere di Google, che elabora video a partire da immagini.

Questi sforzi sottolineano sia le ambizioni di OpenAI nel campo dell’IA generativa sia le sfide etiche e tecniche che accompagnano queste avanzate tecnologie.

ChatGPT-5 sarà indistinguibile da un essere umano?

Articolo precedenteSoluzioni creative per collocare la TV in casa
Articolo successivoArmocromia e Interior Design: i colori delle quattro stagioni nella propria casa
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui