“ChatGpt è di nuovo disponibile per gli utenti in Italia. Siamo entusiasti di accoglierli di nuovo e rimaniamo impegnati a proteggere la loro privacy”

È quanto ha dichiarato il portavoce dell’azienda OpenaAI in una comunicazione ufficiale. ChatGpt è nuovamente disponibile per gli utenti in Italia e che l’azienda è entusiasta di accoglierli di nuovo. Inoltre, l’azienda si impegna a proteggere la privacy degli utenti e ha risolto le questioni sollevate dal Garante della Privacy italiano. Gli utenti italiani possono accedere alla pagina del servizio e vengono accolti con un messaggio di benvenuto. Questo avviene a pochi giorni dal termine ultimo, il 30 aprile, fissato dal Garante della Privacy italiano.

OpenAI ha inviato una nota in cui ha illustrato le misure adottate per ottemperare alle richieste dell’autorità, tra cui la fornitura di informazioni aggiuntive agli utenti europei ed extra-europei, la modifica e la chiarificazione di alcune norme e la fornitura di soluzioni accessibili per esercitare i propri diritti.

Cos’è, come usare e a cosa serve ChatGPT

Il Garante spiega che OpenAI ha, tra i vari adempimenti, predisposto e pubblicato sul proprio sito un’informativa rivolta a tutti gli utenti e non utenti, sia in Europa che nel resto del mondo, al fine di spiegare quali dati personali vengono trattati per l’addestramento degli algoritmi e in che modo, e per ricordare che tutti hanno il diritto di opporsi a tale trattamento. Inoltre, l’azienda ha ampliato l’informativa sul trattamento dei dati riservata agli utenti del servizio, rendendola ora accessibile anche nella maschera di registrazione prima che un utente si registri al servizio. Infine, l’azienda ha riconosciuto il diritto di tutte le persone che risiedono in Europa, anche non utenti, di opporsi a che i loro dati personali siano trattati per l’addestramento degli algoritmi, fornendo un modulo compilabile online che risulta facilmente accessibile.

ChatGpt ha aggiunto un pulsante nella schermata di benvenuto riservata agli utenti italiani già registrati al servizio, mediante il quale gli utenti possono accedere al servizio solamente previa dichiarazione di essere maggiorenni o ultratredicenni e con il consenso dei genitori, se del caso. Inoltre, nella maschera di registrazione al servizio è stata inserita la richiesta della data di nascita, e sarà bloccata per gli utenti infratredicenni, mentre per gli utenti ultratredicenni ma minorenni, sarà necessario confermare il consenso dei genitori all’utilizzo del servizio.

ChatGPT in Italia: solo l’8% la utilizza ma il 75% la trova utile

Articolo precedenteCos’è il pH, come si calcola in casa e perché è importante
Articolo successivoLevigatura pavimento in cemento e calcestruzzo: intervista Roberto Policaro di Polieuro
Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte. Dopo gli studi al Politecnico di Torino e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui