Il Ministero dell’Agricoltura ha lanciato un nuovo bando di incentivi fotovoltaici noto come “Parco Agrisolare”, un’importante iniziativa finalizzata a sostenere il settore agricolo attraverso la promozione e l’installazione di nuovi impianti fotovoltaici.

Il cuore di questa iniziativa consiste nel fornire alle aziende agricole gli strumenti necessari per adottare tecnologie innovative e sostenibili. L’obiettivo principale del bonus fotovoltaico è quello di agevolare la transizione verso una produzione di energia più pulita ed ecologica, contribuendo al contempo a potenziare il settore agricolo e agroindustriale.

Fotovoltaico gratis per tutti o in affitto dal 2024

L’incentivo rappresenta una risposta concreta alle sfide attuali, mirando a incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili in modo da ridurre la dipendenza dalle fonti fossili e limitare l’impatto ambientale delle attività agricole. Questo rappresenta un passo importante nell’ottica di un’economia più sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

bonus fotovoltaico

Per poter comprendere appieno il funzionamento di questo bonus, è essenziale esaminare i requisiti necessari per accedervi. Le aziende agricole che desiderano beneficiare di questo incentivo devono soddisfare determinati criteri. Gli impianti fotovoltaici oggetto di richiesta devono avere una potenza nominale compresa tra 6 kWp e 1000 kWp. Inoltre, è richiesto che gli impianti siano di nuova costruzione, garantendo così l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia.

L’incentivo si estende anche alle componenti dell’impianto, che devono essere anch’esse di nuova costruzione. Questo aspetto è fondamentale per garantire la massima efficienza e durabilità degli impianti fotovoltaici, assicurando al contempo una maggiore produzione di energia nel corso del tempo.

L’aspetto dell’impatto ambientale è al centro di questa iniziativa. Gli impianti installati non devono arrecare alcun danno all’ambiente circostante. Questo vincolo è teso a preservare la biodiversità e a evitare impatti negativi sull’ecosistema locale. È un passo importante verso una produzione energetica sostenibile che sia armonizzata con l’ambiente.

Una delle caratteristiche distintive di questo bonus è la sua natura a fondo perduto. Ciò significa che le aziende agricole possono beneficiare di contributi finanziari senza dover restituire l’importo ricevuto. Questo rappresenta un incentivo concreto e tangibile per le aziende che intendono investire nell’energia solare fotovoltaica.

L’importo del bonus può coprire fino all’80% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione degli impianti fotovoltaici. Questo livello di copertura finanziaria può rappresentare un notevole sollievo per le aziende agricole, consentendo loro di avviare e completare progetti che altrimenti potrebbero risultare onerosi dal punto di vista economico.

Le aziende agricole eleggibili per il bonus includono diversi profili: dagli imprenditori agricoli sia in forma di società che privati, agli imprenditori agroindustriali che operano all’interno di specifici codici ATECO, fino alle aziende agricole che svolgono attività rientranti nell’articolo 2135 del Codice Civile. Questa varietà di profili dimostra l’ampiezza dell’approccio del Ministero dell’Agricoltura nell’agevolare diverse realtà all’interno del settore agricolo.

Oltre ai benefici finanziari, il bonus fotovoltaico comporta un vantaggio significativo per l’ambiente e la società nel suo complesso. La produzione di energia solare è una fonte pulita e rinnovabile che contribuisce alla riduzione delle emissioni di gas serra e alla mitigazione dei cambiamenti climatici. In un momento in cui l’attenzione alla sostenibilità è cruciale, l’adozione di tecnologie energetiche verdi rappresenta una scelta vincente per il futuro.

Per quanto riguarda le modalità pratiche, la richiesta di accesso al bonus deve essere presentata tramite il sito web dell’Area Clienti del Gestore dei Servizi Energetici (GSE). Questo processo digitale semplifica notevolmente le procedure burocratiche, consentendo alle aziende agricole di inviare le loro domande in modo rapido ed efficiente.

Cos’è il Fotodinamico: i pannelli solari a film sottile sono il futuro dell’energia solare?

Le date per la presentazione delle richieste sono limitate a un periodo specifico, dal 12 settembre 2023 al 12 ottobre 2023. Questa finestra temporale è un’opportunità che richiede un’adeguata pianificazione da parte delle aziende interessate. La tempistica è strategica, offrendo un lasso di tempo adeguato per preparare e presentare le richieste.

Di seguito troverai ulteriori dettagli relativi al programma di incentivi fotovoltaici proposto dal Ministero dell’Agricoltura per le aziende agricole.

Le seguenti categorie possono beneficiare del bonus:

1. Imprenditori agricoli, sia come individui che come società;
2. Imprenditori agroindustriali che operano in base a un codice ATECO specifico;
3. Aziende agricole che svolgono le attività definite dall’articolo 2135 del Codice Civile.

Quali requisiti sono necessari per accedere all’incentivo?
Le aziende agricole interessate a richiedere l’incentivo devono presentare impianti fotovoltaici con le seguenti caratteristiche:

1. Potenza nominale compresa tra 6 kWp e 1000 kWp;
2. L’impianto deve essere di nuova costruzione;
3. Gli elementi dell’impianto devono essere di nuova costruzione;
4. L’impianto deve essere installato sui fabbricati di proprietà del richiedente e conformi alle norme catastali;
5. L’installazione dell’impianto non deve causare impatti dannosi sull’ambiente circostante.

Ogni domanda per accedere al bonus deve riferirsi a un singolo impianto e i lavori possono iniziare solo dopo la presentazione della proposta.

Come vengono distribuiti i contributi?
L’ammontare dei contributi varia in base al settore in cui opera il richiedente:

1. Gli impianti legati al settore primario ricevono un contributo dell’80%;
2. Gli impianti relativi alla trasformazione di prodotti agricoli ricevono un contributo dell’80% se hanno una potenza tra 6 kWp e 200 kWp;
3. Gli impianti di trasformazione di prodotti agricoli con potenza tra 200 kWp e 500 kWp ricevono un contributo del 65%;
4. Gli impianti di trasformazione di prodotti agricoli con potenza tra 500 kWp e 1000 kWp ricevono un contributo del 50%;
5. Interventi non legati alla trasformazione di prodotti agricoli ricevono un contributo del 30%.

Quali tipi di spese sono coperti dal bonus?
L’importo massimo delle spese ammissibili per accedere all’incentivo è di 2.330.000 euro e comprende:

1. Installazione di pannelli fotovoltaici, con un limite massimo di 1.500.000 euro;
2. Altri interventi settoriali, con un limite massimo di 700.000 euro;
3. Sistemi di accumulo, con un limite massimo di 100.000 euro;
4. Dispositivi di ricarica, con un limite massimo di 30.000 euro.

Le spese ammissibili includono l’acquisto e l’installazione di componenti del nuovo impianto, le spese relative alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico, la supervisione dei lavori sul cantiere e l’installazione dei materiali utilizzati. Esempi di spese ammissibili includono lo smaltimento dell’amianto, i sistemi di areazione, la posa in opera di forniture e materiali e l’isolamento termico dei tetti.

Dove e come presentare la richiesta?
Per accedere al bonus, è necessario inviare la richiesta in formato digitale attraverso il sito web del Gestore dei Servizi Energetici (GSE). I potenziali beneficiari devono registrarsi e creare un profilo nell’Area Clienti del sito. Le richieste possono essere inviate online dal 12 settembre 2023 al 12 ottobre 2023.

In conclusione, il bonus fotovoltaico proposto dal Ministero dell’Agricoltura rappresenta una spinta importante verso la sostenibilità nel settore agricolo. Attraverso incentivi finanziari e supporto per l’adozione di tecnologie verdi, l’iniziativa mira a trasformare il panorama energetico delle aziende agricole, promuovendo al contempo pratiche più ecologiche e contribuendo alla lotta contro il cambiamento climatico.

Cos’è il Fotodinamico: i pannelli solari a film sottile sono il futuro dell’energia solare?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui