Iconico” è la prima parola che viene in mente se si pensa a un divano Chesterfield, e sono pochi i complementi d’arredo per i quali questo stesso aggettivo risulterebbe altrettanto accurato. Se si pensa Chesterfield vengono in mente il fumo di un sigaro, le luci calde di un club esclusivo, le chiacchiere sofisticate di qualche salotto inglese, e perché no, un buon calice di vino nel salotto di casa. 

Se si è in cerca di un elemento che sia protagonista indiscusso della zona living i divani Chesterfield di Emporio Chesterfield sono una soluzione ideale. 

Un divano Chesterfield sta bene con tutto

Questo arredo ha personalità da vendere, ma è proprio questa a renderlo così versatile. A dispetto delle apparenze, infatti, inserire un divano Chesterfield negli ambienti è molto più facile di quanto si possa immaginare. 

Sono elementi con cui giocare sia sui contrasti che sull’assonanza di stile: da un rustico elegante, ispirandosi alle atmosfere della vecchia Inghilterra in cui è nato, allo stile Industrial caratterizzato da legno, ferro, per quel mood metropolitano che rimanda subito ai loft americani. Per pochi avventurosi invece è il contrasto, di sicuro impatto, con gli ambienti minimalisti in scala di beige. 

Si tratta di un approccio audace all’interior design, in cui il divano Chesterfield diventa il cuore pulsante ed elemento di rottura, intorno al quale costruire una confortevole, sobria cornice chiara che fa da contrappeso alla sua bellezza classica.  

Dalla vecchia Inghilterra ai giorni nostri

Cosa rende il divano Chesterfield così speciale? Perché è diventato un oggetto di culto?

Sicuramente per il suo design inconfondibile, ancora attuale nonostante i secoli, e poi per il magnetismo indiscusso della pelle, materiale ancora oggi preferito dagli artigiani che realizzano questi modelli, che con l’usura degli anni acquisisce un fascino impossibile da replicare con altri materiali.  

Difficile collocare e datare con precisione la nascita dei Divani Chesterfield, sembra che i primi siano apparsi intorno al 1800 e che in origine fossero un po’ diversi dai modelli che conosciamo oggi. La storia più accreditata li colloca comunque in Gran Bretagna, dove il IV conte di Chesterfield avrebbe commissionato per primo un divano in pelle, con la tipica lavorazione capitonné e la seduta alta e profonda.

Chesterfield: basta il nome

I divani Chesterfield sono appunto tradizionalmente in pelle, soprattutto tonalità scure, tra le infinite sfumature del cuoio, fino al bordeaux e al verde bottiglia. Le sedute sono alte e profonde, con schienali spaziosi e quei grossi bottoni che creano un effetto trapuntato, chiamato capitonné. 

Le versioni più recenti vedono proposte elegantissime sedute in velluto e più raramente anche in tessuto, ma la pelle conserva il suo primato inarrivabile nei gusti di chi sceglie un divano Chesterfield. Il loro aspetto è inconfondibile e la loro allure quasi li precede. Ma nessun divano sarebbe quel concentrato di stile senza tempo senza le mani abili e sapienti degli artigiani che li realizzano. Con precisione e cura maniacale, ogni divano Chesterfield è un capolavoro di manualità e un concentrato di esperienza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui