Possibili collaborazioni su robotica e satelliti

La Regione Veneto a Expo Dubai è “una formidabile leva di accreditamento per il sistema delle imprese e per le filiere industriali tecnologiche e innovative, non solo negli Emirati Arabi Uniti”, ma anche in Africa, Asia, Medio Oriente e Mediterraneo. Con gli Emirati “oggi esistono tutte le condizioni per avviare una nuova stagione nelle relazioni economiche” e “l’auspicio non è solo che le aziende venete possano accrescere la loro presenza in questo Paese, ma che le aziende emiratine trovino nel Veneto un partner di riferimento dove investire e crescere. C’è un grande potenziale da esplorare nei nostri territori e mi auguro che si possa avviare un percorso di collaborazione che vada oltre Expo Dubai”.

Lo ha dichiarato l’assessore al Turismo e al Commercio estero della Regione Veneto, Federico Caner, durante uno speech al forum “Veneto Beyond the Future” al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai, appuntamento che ha aperto ufficialmente il Regional Day dedicato al Veneto al padiglione italiano dell’esposizione universale. 


Caner ha sottolineato come Dubai abbia “molte similitudini con la nostra regione, posizionata” come “crocevia” in “un’area strategica dell’Europa”. Oggi “forniamo una rappresentazione del nostro territorio che guarda al futuro”, ha sottolineato, raccontando che la regione contribuisce al 9,2% del Pil e conta 427mila imprese. “Il Veneto è una regione di innovazione, questa è la chiave per presentarla qui oggi”, ha affermato l’ambasciatore italiano negli Emirati Nicola Lener. Al forum sono intervenuti anche Talib Julbar, ceo Infrastuctures Services Sector della municipalità di Dubai; Enrico Carraro, presidente di Confindustria Veneto, e Tiziana Lippiello, rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, ateneo che a conclusione dell’evento ha firmato un memorandum d’intesa con la Canadian University di Dubai per sviluppare una collaborazione di lungo periodo.

Anche nell’aerospazio future collaborazioni dell’Italia con gli EAU

 Il Veneto trova nell’aerospazio “possibili e potenziali collaborazioni con gli Emirati Arabi Uniti”, in particolare nella robotica e nei satelliti.

A dirlo è Federico Zoppas, presidente della rete Aerospace Innovation & Research (Air), intervenuto al forum “Veneto: a strategy for the future”, organizzato nell’ambito del Regional Day dedicato al Veneto al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai.

 “Dobbiamo pensare che l’agenzia spaziale degli Emirati è diventata uno degli attori primari per lo sviluppo e negli investimenti per il mondo aerospaziale. L’obiettivo del piano pluriennale degli Emirati è quello di portare il genere umano su Marte, e in questo senso ha aderito al programma Artemis” ha spiegato Zoppas. In questo quadro, “uno degli ambiti di possibile collaborazione sicuramente è focalizzata nella parte di Space Robotics” e in Veneto, “il Cisas Colombo ha sviluppato diverse generazioni di rover come prototipi funzionali, così come abbiamo diverse aziende che ne sono in grado di svilupparne i sottosistemi”, ha spiegato. “L’altra area di possibile collaborazione è sicuramente rappresentata dall’ambito dei satelliti. Gli Emirati hanno cominciato a sviluppare una generazione di satelliti tecnologicamente avanzati – il Khalifasat – e in questo ambito, oltre ad avere già delle aziende della nostra rete che sono attuali fornitori degli Emirati, abbiamo anche competenze per ulteriori sviluppi e collaborazioni in questo ambito”

Fonte: ANSA

Il fascino misterioso di Al Gurm Villa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui