Federmanager Torino organizza un evento stellare con Luciano Moggi e Renato Zaccarelli al Circolo della Stampa Sporting

Il 18 aprile, il Circolo della Stampa Sporting su Corso Agnelli a Torino è stato teatro di un evento eccezionale intitolato Manager di Serie A che ha attirato l’attenzione di appassionati di calcio e professionisti del settore.

Organizzato da Federmanager Torino, sotto la guida del suo direttore Roberto Granatelli, l’incontro ha visto la partecipazione di Luciano Moggi e Renato Zaccarelli, figure emblematiche del calcio italiano, noti per i loro ruoli passati soprattutto alla Juventus e al Torino, rispettivamente.

Federmanager Torino incontra i Manager di Serie A

Apertura dell’evento e introduzioni significative

L’evento ha preso il via alle 18:00 con l’introduzione fatta da Donato Amoroso, Vice Presidente di Federmanager Torino, seguito da Riccardo Angelini, Presidente della Commissione Previdenza di Federmanager Torino, che ha sottolineato l’importanza del management efficace nel mondo dello sport. Questo setup ha preparato il terreno per una discussione profonda e informativa.

Dialoghi aperti e discussioni incisive

Moderati da Giovanni Firera, Presidente dell’ADI (Agenzia Digitale Italiana), Luciano Moggi e Renato Zaccarelli hanno condiviso aneddoti e riflessioni sui loro giorni ai vertici dei due club torinesi, discutendo delle strategie dietro i loro successi e delle sfide incontrate lungo il percorso. Hanno anche esplorato le prospettive future di Toro e Juve, in un contesto attuale che vede i due club in una fase di rinnovamento e aspettativa, specialmente dopo il recente pareggio 0-0 nel derby della Mole.

Federmanager Torino incontra i Manager di Serie A

Una piattaforma di confronto su passato e futuro del management sportivo

Oltre a offrire un ritorno nostalgico sui successi gestionali passati, l’evento ha permesso di aprire un dialogo sulle tendenze attuali e le proiezioni future nel calcio, con particolare attenzione alle dinamiche manageriali e al loro impatto sulle prestazioni sportive. La discussione ha toccato punti critici come le aspettative europee, le strategie di mercato e la gestione delle squadre in un clima sportivo sempre più competitivo.

Donato Amoroso, Vice Presidente di Federmanager Torino
Donato Amoroso, Vice Presidente di Federmanager Torino

Implicazioni per il Futuro del Calcio Italiano

L’evento organizzato da Federmanager Torino non solo ha rappresentato un momento di riflessione sulle carriere distinte di Luciano Moggi e Renato Zaccarelli, ma ha anche posto le basi per una discussione più ampia sul ruolo del management nel calcio moderno. I temi trattati hanno evidenziato come le competenze manageriali siano cruciali non solo nel giorno a giorno della gestione dei club, ma anche nel plasmare le strategie a lungo termine che determinano il successo sportivo e commerciale.

Riccardo Angelini, Presidente della Commissione Previdenza di Federmanager Torino
Riccardo Angelini, Presidente della Commissione Previdenza di Federmanager Torino

Approfondimenti su Giuric e Allegri: Cosa Aspettarsi

Durante l’evento, particolare attenzione è stata rivolta alle figure attuali di Ivan Juric e Massimiliano Allegri, gli allenatori di Torino e Juventus. Moggi e Zaccarelli hanno condiviso le loro percezioni su come questi due tecnici stiano navigando le sfide del calcio contemporaneo, incluse le pressioni per competere a livelli europei e le aspettative elevate dei tifosi. La discussione ha sottolineato come un approccio bilanciato tra tattica sportiva e gestione delle risorse umane sia essenziale per costruire squadre capaci di sostenerne il successo nel tempo.

federmanager torino Sporting Club La Stampa
Federmanager Torino – Sporting Club La Stampa

Il Ruolo di Federmanager Torino nell’Evolvere del Management Sportivo

Il Direttore Federmanager Torino Roberto Granatelli
Il Direttore Federmanager Torino Roberto Granatelli

Sotto la guida di Roberto Granatelli e con il supporto di figure come Donato Amoroso e Riccardo Angelini, Federmanager Torino si posiziona come un pilastro nella formazione e nel supporto dei manager sportivi. Attraverso eventi come questo, l’organizzazione mira a elevare il livello di discussione e pratica nel management sportivo, promuovendo un modello di leadership che possa rispondere dinamicamente alle esigenze del mercato e alle aspettative dei fan.

I partecipanti hanno lasciato l’evento con numerosi spunti di riflessione, apprezzando la possibilità di ascoltare da vicino le esperienze di figure così influenti nel panorama calcistico italiano. Il feedback positivo ha rafforzato l’importanza di tali incontri, suggerendo anche la necessità di una serie di eventi simili che possano continuare a indagare diversi aspetti del management nel calcio.

Conclusione e riflessioni finali

L’incontro “Manager di Serie A” al Circolo della Stampa Sporting organizzato da Federmanager Torino ha non solo celebrato le storiche carriere di Luciano Moggi e Renato Zaccarelli, ma ha anche stimolato una riflessione profonda sul futuro del management nel calcio. Con il successo di questa serata, Federmanager Torino si conferma come una voce leader nel dibattito sportivo italiano, con l’ambizione di contribuire attivamente al miglioramento e all’innovazione del management sportivo a tutti i livelli.

L’evento si è chiuso con apprezzamenti e riconoscimenti per gli organizzatori e i partecipanti, consolidando ulteriormente il ruolo di Federmanager Torino come punto di riferimento essenziale per i professionisti del settore. Con iniziative come questa, il futuro del calcio italiano sembra essere in mani capaci e innovative, pronto a affrontare le sfide del nuovo decennio con determinazione e competenza strategica.

L’evento, ricco di spunti e riflessioni, ha sottolineato l’importanza di unire le competenze gestionali tradizionali con innovative strategie di leadership, delineando un futuro promettente per il calcio italiano a livello manageriale e oltre.

Interviste e coordinamento media a cura di Agenzia Digitale Italiana (ADI)
Presidente – Giovanni Firera 

Intervista a Federmanager Torino

Articolo precedenteFrezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors
Articolo successivoMeloni: Papa Francesco parteciperà al G7 sull’Intelligenza Artificiale
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e al design Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui