In occasione della Milano Design Week 2024, Frezza ha lanciato la nuova collezione Mux70, creata da Stefano Boeri Interiors per celebrare il settantesimo anniversario dell’azienda.

Questa linea di arredi per ufficio direzionale è stata progettata per soddisfare le esigenze dei manager moderni e si adatta perfettamente sia agli spazi lavorativi che domestici, rispecchiando la crescente fusione tra questi due ambienti.

La collezione Mux70 è una rivisitazione della serie Mux originale introdotta nel 1984 e offre soluzioni flessibili per diverse attività quotidiane del manager, dal pranzo alla ricezione di ospiti, fino alla preparazione per attività fisiche. Gli arredi sono progettati per essere modulabili e personalizzabili, permettendo di trasformare e definire lo spazio intorno a sé con eleganza e funzionalità.

Frezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors

Elementi come il tavolo che si trasforma in scrivania o tavolo riunioni con componenti regolabili, un coffee table e una boiserie configurabile come separé, sono pensati per delineare e organizzare lo spazio secondo le necessità, combinando materiali come il legno e il fenix per un risultato estetico pulito ma distintivo, adatto anche all’ambiente domestico per lo smart-working.

Frezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors

Frezza: la sua storia 

Da un modesto laboratorio di mobili gestito a livello familiare fino a diventare un rinomato marchio di design riconosciuto a livello internazionale, Frezza celebra il suo settantesimo anniversario. A partire dal 1954, con la fondazione del primo laboratorio a Vidor, provincia di Treviso, Frezza ha sempre puntato sulla specializzazione in mobili da casa, evolvendosi con il tempo fino a diventare leader nell’arredamento per ufficio, riflettendo stili di vita e dinamiche lavorative di diverse epoche.

Con il salto alla produzione industriale negli anni ’60, grazie alle grandi forniture per il settore alberghiero, Frezza ha mantenuto il suo distintivo savoir-faire artigianale. Dagli anni ’70, l’azienda ha iniziato a interpretare l’ambiente ufficio, proponendo soluzioni innovative che si adattano alle esigenze dei lavoratori e rispondono a un concetto di design evolutivo, elemento distintivo del brand.

Negli anni ’80, la collezione di lusso MUX è diventata un simbolo di status per i manager e un’icona di design, segnando l’inizio di una fase di espansione che ha visto Frezza aprire nuove sedi in Europa e collaborare con una rete sempre più vasta di designer e architetti.

Frezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors

Il 1992 segna una svolta con l’acquisizione da parte della famiglia Doimo, che ha portato a un immediato successo grazie a una politica di investimenti mirati all’avanguardia tecnologica e al benessere delle persone, completata dall’acquisizione di Emmegi, specializzata in sedute per ufficio.

Oggi, Frezza fa parte di una holding che include altre aziende familiari e continua a crescere attraverso lo sviluppo di soluzioni di arredo, sedute e pareti divisorie, con una vasta rete distributiva che copre vari continenti. L’azienda rimane un punto di riferimento per i cambiamenti sociali, progettando spazi lavorativi che si adattano e evolvono nel tempo.

Frezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors

L’approccio di Frezza alla progettazione non si limita alla funzionalità, ma intreccia creatività e responsabilità sociale, puntando su un design circolare e sostenibile che utilizza materiali riciclati e responsabili, per continuare a migliorare gli ambienti di lavoro con soluzioni belle e funzionali. Con 70 anni di storia, Frezza conferma la sua dedizione alla bellezza del design e al miglioramento continuo degli spazi lavorativi.

Le collezioni Frezza si arricchiscono di nuovi prodotti e finiture, per abitudini e spazi in continuo cambiamento: un vero Design for evolving Humans.

Frezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors

Novità, tendenze e bestseller in due volumi di facile fruizione, sviluppati per rispondere alle diverse esigenze del mercato.

Il catalogo Collection, dedicato alle sedute, offre soluzioni funzionali e innovative per la progettazione di uffici, ambienti dedicati alla formazione e spazi pubblici.

Il nuovo Design Book presenta i prodotti più iconici delle collezioni Frezza, nati dalla collaborazione con designer di fama internazionale: proposte capaci di catturare l’attenzione e creare nuove tendenze.

La collezione Mux70

“Nel progettare la collezione Mux70 abbiamo lavorato sulle dimensioni di spazio e tempo: spazio come ambiente o insieme di ambienti mutevoli che gli arredi compongono e trasformano; tempo come collezione di momenti e funzioni che gli arredi stessi sono in grado di suggerire e accogliere” afferma l’architetto Stefano Boeri, Founder di Stefano Boeri Interiors.

Stefano Boeri e la Casa del Futuro: intervista all’architetto 

“Con la collezione realizzata dal team di Stefano Boeri Interiors abbiamo voluto celebrare un traguardo per noi molto importante, come quello dei 70 anni di attività, e lo abbiamo fatto ricordando uno dei nostri prodotti icona del 1984. L’intento non è solo quello di creare un ponte tra la nostra storia e il presente, ma anche quello di anticipare i tempi e in qualche modo creare una collezione di arredi in grado di restare nel tempo.” spiega Cristian Faggiani, General Manager Frezza.

Frezza presenta Mux70, la nuova collezione firmata Stefano Boeri Interiors

“Per disegnare questo progetto, ci siamo proiettati nel futuro, immaginando quali necessità e trend continueranno a definire la quotidianità del manager di domani. Abbiamo trovato una risposta in arredi modulari capaci di dare forma ad uno spazio versatile, che possa essere funzionale e accogliente al tempo stesso, adatto per il lavoro in team, riunioni formali, ma anche momenti più distesi” conclude l’architetto Giorgio Donà, Partner e Director di Stefano Boeri Interiors

Dialoghi di Design: Intervista all’Arch. Giorgio Donà – Partner e Director di Stefano Boeri Interiors

Articolo precedenteNavigazione nelle curve: usare le curve per canna fumaria nel modo corretto
Articolo successivoFedermanager Torino incontra i Manager di Serie A sul futuro del Management sportivo
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e al design Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui