La società Airbnb – portale online che mette in contatto persone in cerca di un alloggio o di una camera per brevi periodi, con persone che dispongono di uno spazio extra da affittare, generalmente privati – ha comunicato ai propri dipendenti che possono lavorare in modo permanente da remoto e possono trasferirsi ovunque all’interno del paese in cui lavorano attualmente.

Home Working: consigli per arredare la zona lavoro

Ciò non avrà un impatto negativo sulla compensazione, ha affermato la società, il che significa che non adeguerà gli stipendi al ribasso se un dipendente sceglie di trasferirsi in una città in cui il costo della vita è inferiore.

Il CEO e cofondatore Brian Chesky – che ha fondato la compagnia nel 2007 – ha delineato le sue nuove politiche e aspettative. Ha osservato che la flessibilità permanente consentirà all’azienda di “assumere e trattenere le persone migliori del mondo”, piuttosto che semplicemente quelle che si trovano nel “raggio di pendolarismo intorno ai nostri uffici”. Airbnb ha affermato di avere 6.000 dipendenti a livello mondiale, con oltre 3.000 negli Stati Uniti.

Con lo Smart Working migliora il tenore di vita

Airbnb punta molto nel lavoro a distanza: una tendenza da cui l’azienda, ovviamente, ha tratto vantaggio soprattutto dall’impatto iniziale e importante fin dai primi mesi della pandemia. La società ha affermato che i suoi ricavi sono cresciuti del 25% nel 2021 rispetto al 2019, ovvero l’anno prima che la pandemia colpisse i suoi affari.

SIETE INTERESSATI AGLI ARGOMENTI DI INTERIORISSIMI? 

Interiorissimi è una rivista gratuita rivolta al mondo del design e dell’Interior Design. Il miglior aiuto è mettere un Like o un “segui” sui nostri social”:

Facebook: @Interiorissimi
Instagram: @interiorissimi
Linkedin: https://www.linkedin.com/company/77026584
Twitter: https://twitter.com/interiorissimi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui