Una società del gruppo Ikea Vastint Hospitality Italy ha comprato la vecchia stazione ferroviaria di Porta Susa di Torino per 6.4 milioni di euro a cui se ne dovranno aggiungere tra i 15 e i 18 per ristrutturare l’area. Vastint Hospitality Italy è una società immobiliare che fa parte di Interogo Foundation, la holding che controlla Ikea.

Particolare di interno del Moxy Hotel di Oslo

L’obiettivo è di trasformarlo in un boutique hotel per i Millennials sotto l’insegna Moxi, il brand di Marriott di cui Ikea cura lo sviluppo. Il brand è pensato per un pubblico di under 40 che ricerca un mix di design contemporaneo e prezzi low cost.

Si prevede che i millennials entro il 2020 diventeranno i viaggiatori più numerosi del pianeta con 320 milioni di viaggi internazionali ogni anno e, entro il 2018, i maggiori clienti delle catene alberghiere.  Inizia dunque la gara per conquistare la loro fiducia, preparandosi a rispondere alle loro abitudini. Dalla prenotazione all’uso di programmi di fidelizzazione attraverso l’uso dei social media, che usano per informarsi e scambiarsi opinioni e giudizi. Amano stare in spazi comuni per socializzare, invece di chiudersi in camera: tutte abitudini che stanno modificando il concetto di abitante e obbligando di fatto i grandi gruppi alberghieri a ripensare i luoghi a loro dedicati.

Dopo la prima apertura a Milano  e le ultime in Germania, Norvegia e Gran Bretagna e con quello di Torino diventeranno presto 150 nei prossimi dieci anni: design moderno e colorato, wifi free e superveloce, self service grab and go 24 ore su 24 e una serie di hashtag per invitare gli ospiti a scattarsi foto e caricarle sui social.
Torino fa parte di un piano di sviluppo in Italia che comprende anche Verona e Milano dove esiste un hotel , con hotel sia a Linate che a Malpensa dove esiste il primo e unico Hotel Moxy in Italia.
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui