Il design e l’architettura italiana, hanno fama nel mondo di essere un connubio tra classe, innovazione e alti standard qualitativi, che si traducono in progetti ambiziosi con l’impiego di materiali di pregio.

Nell’isola artificiale dell’Al Gurm Resort, a sud di Abu Dhabi, l’architetto italiano Fabio Novembre [Fabio Novembre Studio], classe 1966, icona di stile, da oltre vent’anni punto di riferimento di design a livello internazionale, ha progettato una casa avvolta da una piscina riverberante affacciata sul mare, il cui ingresso è protetto da una cascata artificiale.

.

Un progetto futuristico, che coniuga il design con la ricerca di una privacy assoluta, protagonista di questo luogo.

.

La casa dispone di candide pareti, curve che affacciano sulla terraferma, e grandi vetrate, con cornice dorata, che invece fanno capolino sul mare. Il luogo diventa una sorta di guscio, che protegge gli occupanti, in un luogo dove gli elementi della natura si fondono in armonia.

Il piano terra della villa è di circa 1700m2, strutturata per contenere diverse zone living, ampie sale da pranzo, vari uffici e studi.
Al piano superiore si sviluppa la suite padronale e diverse camere per gli ospiti.

Dall’esterno si accede alla proprietà attraverso un ponte e una cascata artificiale che ha la funzione di porta del garage.
Gli ugelli intuitivi della cascata, formano frasi, accogliendo gli ospiti in un’atmosfera da “Mille e una notte”.
Fabio Novembre è protagonista in architettura di opere, quali i negozi Stuart Weitzman, a Roma, Pechino, Beverly Hills, Hong Kong, New York e Parigi.

Sempre frutto del suo ingegno, ci sono tutti gli showroom Anna Molinari per Blumarine, Londra, Hong Kong, Singapore e Taipei.
Nel design, spicca tanto nel packaging, DUBL di Feudi di San Gregorio, quanto in veri e propri oggetti iconici di design, il tavolo Fleur de Novembre per Kartell, recente la collaborazione con Natuzzi.

È direttore scientifico della Domus Academy e dal 2019 e membro del Museo del Design della Triennale di Milano.

Abu Dhabi: una sfida ambiziosa

Articolo precedenteEmirati Arabi: introdotta la settimana lavorativa da 4,5 giorni. È il primo paese al mondo
Articolo successivoExpo Dubai: Veneto “partner di riferimento” Eau: anche in robotica e satelliti
Corrispondente da Abu Dhabi (Emirati Arabi) Ha frequentato la facoltà dì giurisprudenza di Ravenna, distaccamento di Alma Mater di Bologna. Sposata con due figli, ha intrapreso la scelta famigliare di vita all’estero. Ha trascorso diversi anni in Egitto, operando in varie associazioni umanitarie del luogo e vissuto in prima persona la primavera araba e le trasformazioni del Paese dal punto di vista geopolitico. È appassionata di fotografia e di arte in genere. Ha gestito un blog semiserio rivolto alle mamme all’estero. Trasferita negli Emirati Arabi Uniti, ad Abu Dhabi, ha provato a rimettersi in gioco frequentando un Corso di Interior Design e raccontando le meraviglie del mondo arabo, mistero, tradizione e fascino di un’architettura e di un design cosmopoliti. Vive nelle Etihad Towers, un complesso di 5 grattacieli, che rappresentano un’attrazione di Abu Dhabi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui