Il Garante Privacy indaga su Pornhub: il tracciamento non è conforme al GDPR

Gli attivisti italiani hanno presentato una denuncia contro Pornhub, sostenendo che il sito sta utilizzando dati sensibili relativi all’orientamento sessuale e alle preferenze sessuali degli utenti. Questa denuncia è parte di un’ampia iniziativa europea denominata #StopDataPorn, che mira a porre fine alle presunte pratiche di raccolta e utilizzo non trasparente dei dati personali da parte delle piattaforme per adulti, come Pornhub.

Secondo gli attivisti, Pornhub avrebbe accesso a una vasta quantità di informazioni intime sugli utenti, inclusi dettagli riguardanti le loro preferenze sessuali. Questi dati sensibili potrebbero essere raccolti attraverso il tracciamento delle attività degli utenti sul sito, incluso l’utilizzo dei cookie e altre tecnologie di monitoraggio. La denuncia sottolinea che la mancanza di trasparenza nell’uso di tali dati e l’assenza di un consenso informato violerebbero i principi fondamentali del GDPR.

L’autorità per la protezione dei dati personali, nota come Il Garante Privacy, ha avviato un’indagine su questa questione, richiedendo a MG Freesites Ltd, la società che gestisce Pornhub, di fornire dettagli sulla modalità in cui vengono raccolti e utilizzati i dati degli utenti. La richiesta dell’indagine si basa sulla necessità di verificare se Pornhub sia conforme alle normative del GDPR e se rispetti le regole di trasparenza e consenso nell’elaborazione dei dati personali.

La denuncia e l’indagine in corso hanno portato a un’attenzione rinnovata sulle pratiche di raccolta dati delle piattaforme per adulti e sull’importanza di garantire la protezione della privacy e dei dati personali degli utenti, indipendentemente dal contesto online in cui vengono condivisi.

In particolare, il Garante ha chiesto a MG Freesites di fare luce su diversi aspetti della sua attività online:

  • Pornhub traccia gli utenti? Se sì, con quali modalità e finalità?
  • Qual è la base giuridica per l’utilizzo dei cookie e quali dati vengono raccolti? Quali informazioni vengono fornite prima dell’acquisizione del consenso?
  • I dati raccolti vengono condivisi con terze parti? Se sì, questo aspetto è comunicato agli utenti con un’informativa?
  • Quali sono le misure adottate per verificare l’età anagrafica degli utenti?

L’indagine del Garante ha preso il via dopo il reclamo di #StopDataPorn, un’iniziativa europea che punta a fermare le pratiche di sfruttamento dei dati da parte delle piattaforme per adulti, come Pornhub.

Secondo #StopDataPorn, queste piattaforme hanno accesso a un’incredibile quantità di dati sensibili (come le preferenze sessuali degli utenti), ma non rispettano il principio di trasparenza del GDPR.

Il Garante ha concesso a MG Freesites Ltd 20 giorni per rispondere alle sue richieste. Nel frattempo, su Pornhub sono comparsi due nuovi banner: uno per il consenso ai cookie, l’altro per la verifica dell’età.

Gli attivisti che si stanno battendo contro Pornhub si basano su un’analisi accademica pubblicata nell’articolo intitolato “The platformization of gender and sexual identities: an algorithmic analysis of PornHub.” Questo studio ha costituito la base delle azioni intraprese dal gruppo #StopDataPorn, che ha incluso la segnalazione dell’argomento presso l’autorità Garante della Privacy in Italia e il presentare di un reclamo ufficiale all’Ufficio nazionale del Commissario per la protezione dei dati personali a Cipro.

Nell’ambito di questa analisi, gli attivisti hanno raccolto dati riguardanti diverse varianti delle homepage di Pornhub, oltre a informazioni su 25.000 video suggeriti a 10 account che rappresentavano diverse identità di genere autodichiarate. Lo studio evidenzia come Pornhub utilizzi l’analisi algoritmica per segmentare e distribuire i contenuti sulla base delle caratteristiche dei propri utenti, seguendo il modello di “platformization” dei contenuti. I risultati dell’analisi hanno indicato che gli algoritmi di suggerimento di Pornhub e la struttura della piattaforma sembrano contribuire a perpetuare una prospettiva eteronormativa riguardo al desiderio sessuale, alla sessualità e alle identità di genere.

L’equipe attiva di #StopDataPorn, composta da Giulia Corona, Alessandro Polidoro e Salvatore Romano, ora attende riscontri dalle diverse autorità a cui hanno rivolto le loro preoccupazioni. La battaglia legale intrapresa in Cipro e il reclamo presentato presso il Garante della Privacy in Italia rappresentano parte delle iniziative volte a richiamare l’attenzione sulle pratiche di raccolta dati e profilazione delle piattaforme per adulti come Pornhub.

Pornhub: Una Piattaforma di Contenuti per Adulti

Pornhub è una piattaforma di intrattenimento online specializzata in contenuti per adulti, inclusi video, immagini e altro materiale sessualmente esplicito. Fondata nel 2007 da Fabian Thylmann, la piattaforma è divenuta uno dei siti web più visitati al mondo, con milioni di utenti che accedono quotidianamente alla vasta gamma di contenuti offerti. Questo articolo esplorerà in dettaglio cos’è Pornhub, come funziona, le controversie che ha affrontato e il suo impatto sulla cultura e sulla società.

Contenuti Diversificati e Accesso Gratuito

Pornhub offre una vasta collezione di contenuti per adulti che spaziano dalle scene più softcore alle categorie più esplicite. Gli utenti possono cercare video in base a una varietà di categorie, come orientamento sessuale, genere, feticci, tematiche e altro ancora. La piattaforma ospita sia contenuti prodotti professionalmente da studi di produzione che video amatoriali caricati dagli utenti stessi. Questa varietà di contenuti è uno dei fattori chiave che ha contribuito al successo di Pornhub, attirando una vasta gamma di utenti con diverse preferenze.

Un elemento distintivo di Pornhub è il suo modello di business basato sull’accesso gratuito. Gli utenti possono visualizzare gran parte dei contenuti senza dover pagare alcun costo, sebbene esistano anche opzioni per l’acquisto di contenuti premium o l’iscrizione a piani a pagamento che offrono vantaggi aggiuntivi, come l’accesso a contenuti esclusivi.

Tecnologia e Algoritmi

Uno dei punti di forza di Pornhub risiede nell’utilizzo avanzato di tecnologie e algoritmi. La piattaforma impiega algoritmi sofisticati per analizzare il comportamento degli utenti, monitorare le loro preferenze e proporre video e contenuti pertinenti in base alle loro ricerche e visualizzazioni precedenti. Questo modello di raccomandazione mira a mantenere gli utenti impegnati e a farli tornare regolarmente sulla piattaforma. Tuttavia, è stato oggetto di critica poiché potrebbe contribuire a rinforzare prospettive sessuali limitate o stereotipate.

Controversie e Preoccupazioni sulla Privacy

Nonostante la popolarità di Pornhub, la piattaforma ha affrontato numerose controversie e preoccupazioni. Una delle questioni principali riguarda la presenza di contenuti illegali o non consensuali all’interno della piattaforma. Ciò ha portato a richieste di una migliore moderazione e controllo dei contenuti, al fine di evitare l’accesso a materiale dannoso o illegale.

Inoltre, ci sono state preoccupazioni riguardo alla privacy e alla raccolta dei dati degli utenti da parte di Pornhub. Alcuni attivisti hanno sollevato dubbi sulla trasparenza e sulla consapevolezza degli utenti riguardo alla raccolta e all’uso dei loro dati personali, specialmente dati sensibili come le preferenze sessuali. Queste preoccupazioni hanno portato a indagini da parte di autorità regolatorie e a iniziative legali da parte di gruppi come #StopDataPorn.

Impatto Culturale e Sociale

Pornhub ha indubbiamente avuto un impatto significativo sulla cultura e sulla società contemporanea. Da un lato, ha fornito una piattaforma per l’espressione sessuale e l’erotismo, consentendo agli utenti di esplorare una vasta gamma di interessi e orientamenti. Dall’altro, ha sollevato dibattiti sulla rappresentazione del sesso, sui confini dell’etica e sulla responsabilità nell’era digitale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui