Il prestigioso Metropolitan Museum of Art di New York (MET) ha stretto una partnership strategica con la piattaforma di gioco online Roblox al fine di coinvolgere il pubblico più giovane in un’esperienza artistica innovativa e digitale

In virtù di questa collaborazione, gli utenti di Roblox hanno la possibilità di ottenere versioni digitali di celebri opere d’arte che possono essere utilizzate per personalizzare i loro avatar. Un elemento di grande interesse è rappresentato dal famoso cappello di paglia indossato da Van Gogh, ora disponibile in formato virtuale.

Il  Metropolitan Museum of Art di New York entra nel Metaverso

Questa esperienza è resa possibile attraverso un’app chiamata Replica, sviluppata in collaborazione con Verizon. Replica è un’app di realtà aumentata che guida gli utenti attraverso un affascinante tour virtuale del Met, presentando 37 opere d’arte selezionate presenti nel museo. La sua funzionalità principale consiste nella scansione delle opere d’arte per trasformarle in oggetti virtuali utilizzabili dagli avatar degli utenti su Roblox.

Oltre alle opere d’arte, l’app Replica offre una vasta gamma di oggetti digitali indossabili, come maschere egizie e armature, per arricchire l’esperienza complessiva.

Ken Weine, Senior Vice President of External Affairs presso il Met, ha sottolineato come l’app Replica abbia sfruttato in modo innovativo la tecnologia per coinvolgere in modo avvincente i giovani e gli amanti dell’arte.

Questa collaborazione va oltre l’app Replica, fornendo una rappresentazione virtuale del Met all’interno dell’ecosistema di Roblox. Gli utenti hanno la possibilità di esplorare una versione virtuale dell’iconica facciata del museo sulla Fifth Avenue e persino di accedere agli spazi interni, come la magnifica Great Hall. Ciò offre ai partecipanti l’opportunità di creare mostre personalizzate, combinando oggetti virtuali con sfondi storici per creare composizioni affascinanti.

L’interesse del Metropolitan Museum of Art per il concetto di metaverso riflette una tendenza in crescita tra le istituzioni culturali, che cercano nuovi modi per attirare e coinvolgere il pubblico. Ad esempio, il British Museum ha stretto una partnership con il gioco The Sandbox per creare uno spazio immersivo all’interno della piattaforma, includendo oggetti digitali collezionabili in formato NFT.

Partono da Torino i primi corsi di Interior Design nel Metaverso

È importante notare che, nonostante l’entusiasmo iniziale, il concetto di metaverso ha suscitato dubbi e scetticismo ultimamente. Questo scetticismo è alimentato dal fatto che alcune importanti aziende che erano inizialmente coinvolte nel metaverso hanno ridimensionato i loro piani di sviluppo. Disney, ad esempio, ha chiuso la sua divisione dedicata al metaverso all’inizio dell’anno, e Microsoft ha interrotto il progetto Industrial Metaverse Core.

Fonte: https://www.metmuseum.org/perspectives/articles/2023/8/met-metaverse-replica

Il British Museum fa ingresso ufficialmente nel Metaverso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui