di Claudio Pasqua

La mia passione per la radio (e per i podcast) nasce dalla straordinaria fusione tra narrazione, accompagnamento, che costituisce una guida costante di questi media e la mia vicinanza a tutto ciò che è scienza. Le mie prime interviste in radio risalgono a una quindicina di anni fa: Radio RDS , Radio Montecarlo, ecc. in occasione di eventi legati all’Aerospazio e ai voli in Gravità Zero con il Politecnico. Fondammo il blog Gravità-Zero.org reduci dai voli parabolici e, oggi Gravita-Zero.it, rivista registrata al tribunale di Torino, casa editrice SOLTEC IT).

Ma la radio cambia, e in questi giorni Spotify ha proposto di utilizzare l’Intelligenza Artificiale (IA) per fare in modo che accada la stessa cosa nel mondo dello streaming (ne ho parlato qui).
Questa settimana ha lanciato un DJ IA molto realistico che può essere personalizzato, utilizza la tecnologia di Open AI e ha una voce AI dinamica. Tra tutti gli strumenti alimentati da AI recenti, trovo questo il più affascinante! Ancora di più perché Spotify sta riportando il concetto di radio, da cui molte persone si erano allontanate in favore dello streaming.

Tutto previsto già 30 anni fa

I Simpson sono ampiamente noti per la loro straordinaria capacità di prevedere accuratamente eventi futuri, dai campioni del Super Bowl alla presidenza di Trump. E sembra che il loro talento per le previsioni si estenda all’arrivo di un DJ IA! Infatti, già nel 1994, un episodio mostrava una stazione radio locale, KBBL, alle prese con cali di ascolti. Il manager della stazione radiofonica pensava di sbarazzarsi degli annunciatori e sostituirli con una macchina chiamata DJ 3000. Questa macchina poteva “suonare CD automaticamente” e parlare in “tre distinte varietà di chiacchiere banali.”

Come funziona il DJ IA?

Spotify DJ è un notevole miglioramento rispetto al DJ 3000. Utilizza algoritmi avanzati per esaminare ciò che hai ascoltato in passato e creare una playlist che si adatti ai tuoi gusti. Inoltre, sfrutta la potenza della tecnologia OpenAI per fornire dettagli informativi sulla musica, gli artisti o i generi che stai ascoltando. E ha una voce IA dinamica che dà vita all’intera esperienza.

 

Diamo un’occhiata più da vicino a queste tre potenti caratteristiche AI che potrebbero rappresentare il futuro della radio

1. Personalizzazione AI

La tecnologia di personalizzazione di Spotify è insuperabile, rendendolo il DJ perfetto per soddisfare il tuo gusto musicale unico. La sua playlist di punta, Scopri Settimanalmente, è stata un successo immediato al suo lancio nel 2015 ed è stata da allora affiancata da una serie di altre playlist personalizzate, inclusi Radar delle Novità, Mix Giornalieri e La Tua Capsula del Tempo. Anche la sua recensione annuale personalizzata, Spotify Wrapped, è diventata un punto di riferimento nell’industria. Con Spotify che guida la strada negli avanzamenti dell’IA, non sorprende che continui a migliorare e potenziare la sua esperienza di personalizzazione.

2. AI Generativa

Ciò che distingue il DJ è la sua combinazione della tecnologia di personalizzazione di Spotify con l’AI generativa, alimentata da OpenAI, i geni dietro al rivoluzionario chatbot ChatGPT.
Integrando l’AI generativa, Spotify può espandere la conoscenza dei suoi esperti musicali, fornendo approfondimenti culturalmente rilevanti e accurati su musica, artisti e generi. Anche se la sua accuratezza resta da vedere, specialmente alla luce degli recenti passi falsi di Bing e Google Bard, è emozionante assistere a una tale notevole e pratica applicazione della tecnologia di OpenAI.
Spotify DJ si distingue davvero come uno degli esempi più impressionanti delle possibilità innovative e tangibili dell’AI nel mondo reale, ed è una piacevole pausa dall’hype che circonda ChatGPT.

3. Piattaforma vocale AI dinamica

Alcune settimane fa, sono rimasto sbalordito dall’ultima innovazione di Apple – i narratori AI. Ora, non solo puoi ascoltare gli audiolibri narrati da esseri umani reali, ma Apple Books offre anche l’opzione di farti leggere i libri da voci digitali che suonano in modo incredibilmente umano. Questi narratori AI si presentano in stili diversi e sono incredibilmente realistici.

E sembra che Spotify stia seguendo la stessa strada. Sfruttando l’acquisizione del 2022 di Sonantic, Spotify DJ presenterà una voce AI dinamica. Sonantic è un’azienda specializzata nella creazione di servizi vocali alimentati dall’Ai per ambienti di gioco e intrattenimento, nota soprattutto per la sua tecnologia che ha aiutato a ricreare la voce di Val Kilmer in “Top Gun: Maverick.” In realtà, Kilmer non è in grado di parlare come faceva prima a causa del cancro alla gola.

La voce del DJ si basa su Xavier “X” Jernigan, responsabile delle partnership culturali di Spotify e conduttore del podcast del mattino “The Get Up”. Spotify suggerisce che la sua voce sia il “primo modello” per la funzionalità del DJ, il che implica che abbiano piani per espandere la gamma di voci in futuro.

Radio: addio DJ, Spotify lo sostituisce con l’Intelligenza Artificiale

Articolo precedenteRadio: addio DJ, Spotify lo sostituisce con l’Intelligenza Artificiale
Articolo successivoRadioGPT, l’Intelligenza Artificiale sostituirà il DJ in radio?
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui