Jacobsroom Editions, brand e studio di interior design specializzato nella produzione di pezzi unici ed edizioni limitate, presenta una selezione dei più significativi tra i suoi complementi d’arredo nel progetto I’ll Be Your Mirror a cura di Josephine Akvama Hoffmeyer e Elisa Ossino nello spazio di via Solferino 11 a Milano.

Jacobsroom Editions All’interno dell’esposizione Maiohgi e Alea, della collezione Black Rhythms, declinano l’astrazione delle forme, elemento cardine della filosofia di Jacobsroom Editions, attraverso i concetti di musica e poesia a cui il ritmo appartiene come elemento identitario e strutturante.

Maiohgi è uno specchio da parete dalla forma a ventaglio ispirato alla tradizione giapponese, la cui superficie si appoggia a un inserto in pietra grigio antracite e nero dai richiami lunari. Completano l’accessorio sei segmenti magnetici in leggerissima rete di metallo applicabili alla superficie specchiante, capaci di rimodularla secondo l’interpretazione del fruitore.

La mensola telescopica in metallo Alea suggerisce l’idea di delicatezza e dinamismo grazie all’estensione in altezza personalizzabile in base alle differenti necessità di spazio. Dallo stelo centrale si allungano cinque piccole mensole forgiate a mano in forme diverse la cui funzione si fonde alla silenziosa grazia dell’oggetto, richiamando la bidimensionalità dei quadri scolpiti di Loiuse Nevelson.

Dalla collezione O proviene il mobile contenitore a parete, il cui profilo morbido e stondato lo rende estremamente versatile e capace di adattarsi a vari ambienti della casa. L’interno è nascosto da una chiusura con doppia anta che esalta l’estetica dell’arredo e si ispira alla struttura della pala d’altare rinascimentale che custodisce in modo intimo le sue decorazioni.

Le forme e le dimensioni generose rendono O wall cabinet l’elemento perfetto per entrare in sintonia con i tessuti Métaphores: sia lo spazio interno che le ante diventano la superficie su cui si distendono i preziosi tessuti della collezione Éléments Terre disegnata dalla direttrice della Creazione e dell’Immagine Emilie Paralitici.

A sposare l’estetica di Jacobsroom Editions è stata la linea Sismic nella tonalità orange, il cui motivo a righe orizzontali e verticali suggerisce l’energia e il dinamismo di un moto sismico e allo stesso tempo un preciso ordine architettonico, e la linea Palanque, nelle tonalità graphite e fumée, anch’essa giocata sull’incrocio di sottili linee a contrasto che provocano un effetto ottico di movimento e testimoniano dell’esperienza della manifattura Le Crin, unico laboratorio al mondo in cui il crine è tessuto a mano.

JACOBSROOM
I’ll Be Your Mirror
a cura di Josephine Akvama Hoffmeyer e Elisa Ossino 5 – 10 settembre 2021
via Solferino 11, 3° piano, Milano

Sito web: https://www.jacobsroom.it

Si ringrazia Mariella Belloni
Vicecaporedattore – Marketing Journal

Corso di Interior Design in teledidattica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui