Il 2024 sarà ricordato come un anno storico per il tennis italiano, grazie all’ascesa di Jannik Sinner al vertice del ranking mondiale. Il giovane talento altoatesino, con soli 23 anni, è riuscito a raggiungere un traguardo mai toccato prima da un tennista italiano, superando giganti del tennis come Novak Djokovic e Carlos Alcaraz.

L’Ascesa di Sinner

Il tennista numero uno al mondo oggi è Jannik Sinner. Questo fatto era già chiaro, ma ora è confermato ufficialmente dalla classifica: il campione italiano ha raggiunto la vetta del ranking ATP. Il sorpasso storico è stato causato dal ritiro di Novak Djokovic dal Roland Garros per un infortunio al menisco, dopo due durissime partite al quinto set contro Musetti e Cerundolo. Djokovic, vincitore del Roland Garros l’anno scorso, ha ceduto il primo posto a Sinner, che lo ha battuto in tre degli ultimi quattro scontri. Attualmente, Djokovic ha 8360 punti in classifica, mentre Sinner è salito a 9525 punti grazie alla vittoria nei quarti di finale contro Dimitrov e potrebbe arrivare a 10725 punti se vincesse il Roland Garros. Questi numeri dimostrano quanto il 22enne altoatesino sia stato dominante dall’autunno scorso, specialmente nella prima parte del 2024.

Lunedì 10 giugno, con l’aggiornamento ufficiale dell’ATP, Sinner diventerà il 29º tennista a raggiungere la vetta della classifica mondiale dal 1973, anno dell’introduzione del sistema computerizzato. Il primo a riuscirci fu Ilie Nastase, mentre Roger Federer detiene il record per il maggior numero di settimane consecutive al numero uno (237) e Djokovic per il maggior numero totale di settimane (427). Dopo aver superato Rafa Nadal nel febbraio 2020, Djokovic ha perso la prima posizione a favore di Daniil Medvedev e Carlos Alcaraz, ma è sempre riuscito a riconquistarla. Tuttavia, il sorpasso da parte di Sinner ha un significato diverso, simile a un passaggio di testimone.

Da una parte, c’è l’età di Djokovic, che ha appena compiuto 37 anni e ha mostrato segni di cedimento fisico e minore determinazione. Dall’altra, c’è l’ascesa di Sinner, che ha costruito il suo status di campione in modo graduale e impressionante. Le ATP Finals di Torino, dove ha perso in finale contro Djokovic, hanno segnato l’inizio di un nuovo capitolo per Sinner. Da allora, ha accumulato vittorie in Coppa Davis, agli Australian Open (il suo primo Slam), all’ATP 500 di Rotterdam, è arrivato in semifinale a Indian Wells, ha vinto il Masters 1000 di Miami, è arrivato in semifinale a Montecarlo e si è ritirato nei quarti di finale a Madrid.

10 CURIOSITÀ SU JANNIK SINNER

  1. Origini Altoatesine: Sinner è nato a San Candido, un piccolo paese in Alto Adige, Italia, ed è cresciuto a Sesto Pusteria, una località famosa per gli sport invernali.
  2. Talento nel Sci: Prima di dedicarsi completamente al tennis, Sinner era un promettente sciatore. Ha vinto un campionato italiano di sci nella categoria under 12.
  3. Cambio di Sport: Ha deciso di concentrarsi sul tennis a 13 anni, quando si è trasferito a Bordighera per allenarsi con Riccardo Piatti, uno dei più rinomati coach di tennis italiani.
  4. Successo Giovanile: Ha vinto il suo primo torneo Challenger a 17 anni, diventando uno dei più giovani italiani a farlo.
  5. Premio ATP: Nel 2019, ha vinto il premio ATP Newcomer of the Year, riconoscimento dato al miglior giovane emergente dell’anno.
  6. Cucina Italiana: Sinner è un grande appassionato di cucina italiana e spesso cucina lui stesso quando è a casa.
  7. Multilingue: Parla fluentemente italiano, tedesco (la sua lingua madre), e inglese.
  8. Amore per il Calcio: Oltre al tennis, Jannik è un grande appassionato di calcio e tifa per il Milan.
  9. Allenamento Rigido: È noto per il suo rigoroso regime di allenamento e per la sua dedizione al miglioramento costante, spesso lavorando anche sulle giornate di riposo.
  10. Interessi Musicali: Ama ascoltare musica, in particolare generi come il rap e la musica pop, per rilassarsi e concentrarsi prima delle partite.

 

Articolo precedenteCibo e design, accordo tra Adi e Casa Artusi
Articolo successivoL’Importanza della luce di cortesia esterna con sensore di movimento: riduci lo spreco di energia e migliora la sicurezza della tua casa
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e al design Ha fondato ADI - Agenzia Digitale Italia, per la diffusione di notizie stampa su media web, radio e TV locali e nazionali Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui