Il polo UNIMONT-Università degli Studi di Milano organizza l’evento “Connecting Youth and Mountains, Creating a Lively Future” presso il Padiglione Italia in data 8 ottobre

L’Università degli Studi di Milano con il suo polo UNIMONT partecipa ad Expo 2020 Dubai nella settimana dedicata a “clima e biodiversità”, che vedrà le montagne italiane al centro di una serie di iniziative dedicate alle competenze, alle buone pratiche e alle innovazioni internazionali volte a favorire lo sviluppo sostenibile e la resilienza delle comunità che le abitano.

Le montagne coprono il 27% della superficie mondiale, possiedono tra il 60 e l’80% di tutte le risorse di acqua dolce del nostro pianeta e sono hotspot di biodiversità. Questi territori, unici e complessi, ospitano quasi 1 miliardo di persone a livello globale e attualmente stanno risentendo degli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Pertanto, è necessario promuovere nuovi modelli di sviluppo sostenibile per le aree montane e processi innovativi che possano garantire il sostentamento delle comunità locali.

Come possiamo sensibilizzare i giovani su ciò che la montagna offre, sia dal punto di vista ambientale, sia in termini di opportunità sociali ed economiche sostenibili? Come si può sviluppare un modello educativo dedicato ai territori montani, capace di responsabilizzare le comunità locali e promuovere processi innovativi in montagna? Come si può supportare la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale delle montagne?

Con queste domande, l’Università degli Studi di Milano con il suo Polo UNIMONT decentrato a Edolo e interamente dedicato allo sviluppo delle aree montane, organizza “Connecting Youth and Mountains, Creating a Lively Future”, che avrà luogo l’8 ottobre 2021 a Expo 2020 Dubai in due sessioni.

La sessione del mattino costituisce l’ultimo momento della consultazione Youth4Mountains che ha coinvolto più di 100 giovani provenienti da 28 Paesi del mondo per creare il Mountain Education and Innovation Manifesto (MEIM). Il percorso si è configurato come un momento di formazione, approfondimento e dialogo rivolto ai giovani di tutto il mondo, tra i 16 e i 29 anni, residenti in aree montane o appassionati di sostenibilità. Nell’ambito dell’evento dell’8 ottobre gli stessi giovani lavoreranno insieme per terminare la redazione del Mountain Education and Innovation Manifesto (MEIM) che verrà in seguito presentato.

La sessione pomeridiana sarà un momento di confronto e dialogo istituzionale sul ruolo della ricerca e sulla necessità di promuovere nuovi modelli di sviluppo sostenibile per le aree montane, ponendo l’attenzione sulla formazione e la valorizzazione del capitale umano. Nello specifico interverranno rappresentati di diversi Università e network europei tra cui Università degli Studi di Milano, Università di Grenoble Alpes, FAO-Mountain Partnership, NEMOR – Network for European Mountain Research, Researcher; EUROMONTANA. Inoltre, l’incontro vedrà un importante contributo da parte di rappresentanti appartenenti al mondo della ricerca, tra cui la Prof.ssa Marina Carini, Prorettrice delegata a Terza Missione, Attività Culturali e Impatto Sociale dell’Università degli Studi di Milano, la Prof.ssa Antonella Baldi, Prorettrice Per L’Internazionalizzazione, la Prof.ssa Anna Giorgi, Delegata del Rettore dell’Università degli Studi di Milano alla promozione delle attività didattiche, di ricerca e terza missione per la valorizzazione del territorio montano e da rappresentanti di istituzioni di vertice, tra cui Alessandro Panza, Membro della Commissione Sviluppo Regionale del Parlamento Europeo; Raffaele Cattaneo, Coordinatore delle Regioni Italiane partecipanti a EUSALP – EU Strategy for the Alpine Region; Marcella Gargano, Direttore Generale per la formazione universitaria, l’inclusione e il diritto allo studio – Ministero dell’Università e della Ricerca.

Concluderà l’evento l’On. Mariastella Gelmini, Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie con delega per la valorizzazione delle zone montane, che recepirà i messaggi del Mountain Education and Innovation Manifesto (MEIM) redatto dai giovani e presentato da una studentessa dell’Università degli Studi di Milano.

Il Polo UNIMONT dell’Università degli Studi di Milano sarà anche protagonista del Forum internazionale sulle montagne “Reaching for the Stars: Sustainable and Climate Resilient Mountain Development” organizzato dalla FAO – Mountain Partnership, dove il polo di Edolo, riconosciuto come “modello” efficace e buona pratica per la valorizzazione dei territori montani, è stato invitato a portare una testimonianza in merito alla sua esperienza di collaborazione e networking con le montagne italiane ed europee.

8 ottobre 2021 | “Connecting Youth and Mountains, Creating a lively Future”


MORNING SESSION

11.00 – 13.00 GMT+4 (09.00 – 11.00 CET-Italia)
Ultimo evento della consultazione Youth4Mountains (che coinvolge giovani dai 16 ai 29 anni), lanciata con l’obiettivo di promuovere la creazione del Mountain Education and Innovation Manifesto (MEIM).  REGISTRATI ALLA CONSULTAZIONE!

EVENING SESSION

15.00 – 18.00 GMT+4 (13.00 – 16.00 CET-Italia)
Incontro volto a sensibilizzare sull’importanza dell’educazione per il futuro dei territori montani in un’ottica sostenibile, attraverso il coinvolgimento diretto e proattivo dei giovani che vivono e lavorano in montagna.  SEGUI LO STREAMING DELL’EVENTO!

Scarica la brochure: 2021 Expo 2020 Dubai 

 

 

Milano si trasforma nella capitale del vetro

 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?

Il miglior modo per farcelo sapere è mettendo un Like e iscrivendoti sui nostri social:
– FACEBOOK su  Interiorissimi
– INSTAGRAM su Interiorissimi

E per collaborare con noi scrivi a: info@accademiatelematica.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui