Progetti

Il Loft
coworking space

Uno spazio per lavorare a contatto
con le idee

Un nuovo modo di concepire l’ufficio, un luogo dove far confluire idee condividendo lo spazio creativo. 

I mt 6,50 di altezza hanno permesso di sfruttare ampiamente lo spazio anche in verticale, lasciando penetrare la luce da grandi finestre.

Il soppalco funge da sala riunioni, occupa solo una parte della metratura in aria per dare ampio respiro alle vetrate. Si accede alla sala riunioni attraverso una scala ancorata al muro, leggera quasi a fluttuare.

Sotto al soppalco si sviluppano le postazioni singole, mentre un ampio tavolo da la possibilità a daily guests di sfruttare un ufficio saltuariamente fuori casa.

All’entrata una semplice ma funzionale reception accoglie i clienti; un’area snack da la possibilità di organizzare un piccolo brunch durante le riunioni.

Monolocale e studio di un game designer

Uno studio creativo tra realtà e finzione.

La sapiente ricerca dei dettagli de La Casa vestita e la creatività di Tommaso Cuomo, hanno dato forma allo spazio creativo che ospita e da vita alle idee di “ Thirty Seconds to Game”. Oggetti che fanno parte del passato, non troppo lontano, si sposano con arredi moderni e giocosi, creando una sinergia dalla quale gli uni danno vita agli altri.

La ricerca di oggetti e materiali è nata dal concetto profondo che per guardare al futuro in modo costruttivo è necessario conoscere il passato, viverlo, “ usarlo “, per dare vita ad idee innovative e consapevoli.

Nella zona outdoor lo spazio è stato sapientemente sfruttato sviluppando soluzioni funzionali senza abbandonare il filo conduttore che accompagna gli interni. Una zona relax sobria ed elegante si sviluppa in un salotto versatile pronto ad accogliere una pausa o un veloce barbecue. L’ampio giardino ospita la piscina dalle linee pulite, semplici ed armoniose.

L’intento del progettista è stato quello di coniugare il gusto e la passione del committente per i videogiochi. Per la zona snack è stata progettata una cucina funzionale e moderna in contrasto con un frigorifero Smeg recuperato ad un’asta; il tavolo da ping-pong funge da scrivania, sala riunioni e brainstorming.
Per sfruttare al meglio la superficie disponibile e dividere sapientemente l’ambiente senza appesantire lo spazio, un mobile Tv fa da divisorio; una comoda zona living colorata e versatile, si trasforma per accogliere il riposo dopo una lunga giornata creativa.

Tanti i richiami al passato, pezzi sapientemente ricercati tra mercatini e collezionisti, rievocano ciò che ha fatto la storia del gaming dai primi anni ’80. Sopra al frigorifero una scultura in legno che riproduce la testa di Goldrake ritrovata in un mercatino anni’70; il quadro che domina la parete omaggia il genio di Ridley Scott che ha dato vita ad Alien; un Jukebox con dischi anni ’90 ed un Flipper da tavolo riportano alle vecchie sale giochi. Nella zona living nulla è stato lasciato al caso ed è la Marvel che fa da padrone!

Uno spazio creativo per Tommaso tra realtà e finzione dove lasciare scorrere le idee e perché no, trascorrere del tempo con chi abbraccia le stesse passioni.

 

La cabina armadio

consigli da professional organizer a interior designer

Perchè pensare sempre che le cose belle debbano necessariamente essere lasciate come un sogno nel cassetto?

La cabina armadio è vista nell’immaginario comune come un angolo di lusso solo per pochi.
In realtà non importa che metratura abbiate a disposizione, spesso le cabine armadio piccole sono quelle più funzionali e che ottimizzano al massimo lo spazio.
Di seguito alcuni suggerimenti, che attuo durante la progettazione, per rendere il vostro armadio unico:
  • Ogni angolo e cassetto deve essere studiato alla perfezione…quindi prima di progettarla fate una lista per categoria di tutto ciò che avete
  • sia che vogliate un armadio o una cabina armadio, Meglio che sia  chiusa da ante scorrevoli o a battente. Sono perfette se dotate di profili anti polvere
  • se siete in fase di costruzione, considerate di allocarla adiacente o comunicante con la camera da letto e/o al bagno
Tre cose non dovrebbero mai mancare:
  • Cassetti a scomparsa per garantire sempre l’ordine
  • Cassetti per occhiali, cinture ed accessori
  •  Uno specchio verticale, in caso di un piccolo ambiente donerà profondità della stanza
Materiali, colori e luce…cosa scegliere?
  • Prediligete materiali naturali come il legno ed eco sostenibili
  • i colori neutri e caldi sono i più indicati perchè faranno da sfondo perfetto per i vostri vestiti colorati e non; assicurano un senso di ordine
  • l’illuminazione è fondamentale, occorre adottare due tipologie differenti: una per illuminare dall’alto ed una di atmosfera, ad esempio nei cassetti o nelle zone nascoste, utilizzando anche quelle a batteria. 
le cabine armadio progettate da la casa vestita uniscono la sapiente abilità della professional organizer di organizzare ed ottimizzare gli spazi, allo stesso tempo il gusto eclettico dell’interior designer offre al cliente ricercatezza dei materiali, composita ricerca, ottenendo un risultato finale unitario ed armonico 

 
 ,