Bookworm Kartell è un originale sistema di mensole da parete progettato dal famoso designer italiano Ron Arad. Questo innovativo sistema di mensole offre flessibilità nel design e nella disposizione degli oggetti esposti, dando una nota di personalità e stile a qualsiasi ambiente domestico. Montare il Bookworm Kartell può sembrare una sfida, ma seguendo queste istruzioni passo dopo passo, sarai in grado di farlo con successo.

Prima di iniziare

  • Assicurati di avere tutti gli strumenti e i materiali necessari a portata di mano. Avrai bisogno di un trapano elettrico, viti a muro, una livella a bolla, un metro a nastro e, ovviamente, il tuo Bookworm Kartell.

Passo 1: Preparazione

Prima di iniziare il montaggio, individua la posizione in cui desideri installare il Bookworm Kartell. Assicurati che la parete sia solida e adatta per il montaggio. Evita di installarlo su pareti troppo fragili o in posizioni in cui potrebbe essere esposto a forti correnti d’aria o a temperature estreme.

Passo 2: Misura e segna

Utilizza il metro a nastro per misurare la lunghezza desiderata per il tuo Bookworm Kartell. Con una matita, segna i punti in cui vuoi installare i supporti delle mensole. Assicurati di mantenere una distanza uniforme tra i punti di fissaggio.

Passo 3: Montaggio dei supporti

Prendi il trapano elettrico e fissa una punta adatta per le viti a muro. Utilizza la livella a bolla per assicurarti che i punti di fissaggio siano perfettamente livellati. Quindi, inizia a forare i fori pilota per le viti a muro nei punti precedentemente segnati.

Passo 4: Fissaggio dei supporti

Ora, avvita i supporti delle mensole sulle viti a muro. Assicurati che siano ben fissati e stabili. Verifica nuovamente con la livella a bolla per garantire che siano perfettamente orizzontali.

Passo 5: Posizionamento del Bookworm Kartell

Ora è il momento di inserire il Bookworm Kartell nei supporti montati sulla parete. Fai attenzione a posizionarlo accuratamente, in modo che sia stabile e sicuro. Se hai scelto una disposizione curva o sinuosa per il tuo Bookworm, assicurati che le curve siano uniformi e armoniose.

Passo 6: Fissaggio del Bookworm Kartell

Una volta posizionato correttamente, usa le viti fornite con il Bookworm Kartell per fissarlo saldamente ai supporti. Queste viti si inseriscono nei fori preforati sul retro del Bookworm e dovrebbero essere incluse nel kit di montaggio.

Passo 7: Verifica della stabilità

Dopo aver fissato il Bookworm Kartell, assicurati che sia stabile e sicuro. Puoi fare una leggera pressione su ogni mensola per assicurarti che siano ben fissate. Se noti qualche problema, controlla nuovamente i punti di fissaggio e le viti per assicurarti che siano stati installati correttamente.

Passo 8: Aggiungi i tuoi libri e oggetti

Ora che il tuo Bookworm Kartell è saldamente montato, puoi iniziare ad aggiungere i tuoi libri, oggetti decorativi o qualsiasi altra cosa desideri esporre. L’aspetto unico e flessibile del Bookworm ti consente di creare un design personalizzato che si adatti perfettamente al tuo stile e alle tue esigenze.

Passo 9: Manutenzione

Una volta completato il montaggio, è importante prendersi cura del tuo Bookworm Kartell. Puliscilo regolarmente con un panno morbido e asciutto per rimuovere la polvere e lo sporco. Evita l’uso di detergenti aggressivi o abrasivi che potrebbero danneggiare il materiale.

Passo 10: Goditi il tuo Bookworm Kartell

Ora che il tuo Bookworm Kartell è montato e arredato, puoi goderti il tuo spazio espositivo unico e funzionale. Sia che tu lo utilizzi per organizzare i tuoi libri o per esporre le tue opere d’arte preferite, il Bookworm Kartell è un’aggiunta elegante e versatile a qualsiasi ambiente domestico.

Seguendo attentamente queste istruzioni, dovresti essere in grado di montare con successo il tuo Bookworm Kartell e creare un’affascinante installazione decorativa nella tua casa. Assicurati sempre di prendere le precauzioni necessarie per garantire una corretta installazione e una stabilità sicura.

Kartell

La storia di Kartell è una storia di innovazione nel design italiano e di successo internazionale. Fondata nel 1949 da Giulio Castelli, Kartell è diventata una delle aziende di arredamento e design più iconiche al mondo, con una lunga tradizione di produzione di mobili e oggetti d’arredo che uniscono funzionalità, estetica e tecnologia. In questa storia di Kartell, esploreremo l’evoluzione dell’azienda, i suoi prodotti più celebri e l’impatto che ha avuto nel mondo del design.

Le origini di Kartell

Kartell è stata fondata a Milano da Giulio Castelli, un chimico con una visione innovativa nel campo dei materiali plastici. Inizialmente, l’azienda si concentrava sulla produzione di oggetti in plastica per la casa, ma ben presto ha iniziato a collaborare con designer di fama mondiale per creare prodotti che avrebbero ridefinito il settore del design.

Il ruolo dei designer

Uno degli elementi chiave del successo di Kartell è stato il coinvolgimento di designer di fama mondiale nel processo creativo. Nel corso degli anni, Kartell ha collaborato con alcuni dei nomi più influenti del design, tra cui Philippe Starck, Ron Arad, Patricia Urquiola, Antonio Citterio, e molti altri. Queste collaborazioni hanno prodotto alcuni dei prodotti più iconici dell’azienda.

L’innovazione nei materiali

Un elemento distintivo di Kartell è stata la sua costante ricerca e innovazione nei materiali plastici. Giulio Castelli e il suo team di ricerca hanno sperimentato nuove tecnologie e materiali per creare prodotti leggeri, resistenti e esteticamente attraenti. Uno dei materiali più noti utilizzati da Kartell è il policarbonato trasparente, che ha consentito la creazione di mobili e oggetti d’arredo trasparenti e colorati.

Prodotti iconici

Kartell è conosciuta per una serie di prodotti iconici che sono diventati veri e propri simboli del design contemporaneo. Tra i più celebri ci sono:

  1. La sedia Louis Ghost: Progettata da Philippe Starck, questa sedia in policarbonato trasparente ha un design elegante e classico, ma con un tocco moderno. È diventata un’icona del design contemporaneo.
  2. La lampada Bourgie: Ancora un lavoro di Philippe Starck, questa lampada da tavolo combina elementi classici con un tocco di ironia. La sua base ornamentale regolabile in altezza è diventata un’icona del design illuminotecnico.
  3. La libreria Bookworm: Progettata da Ron Arad, questa libreria flessibile in metallo piegato può essere modellata in varie forme e curve, offrendo una soluzione unica per l’archiviazione.
  4. La sedia Masters: Una collaborazione tra Philippe Starck e Eugeni Quitllet, questa sedia combina le forme iconiche di tre famose sedie del design: la Series 7 di Arne Jacobsen, la Tulip di Eero Saarinen e la Eiffel di Charles Eames.
  5. La poltrona Bubble Club: Progettata da Philippe Starck, questa poltrona e divano in polietilene colorato sono resistenti agli agenti atmosferici e ideali per l’uso esterno. Sono diventati arredi iconici per spazi all’aperto.

Successo internazionale:

Negli anni, Kartell ha ottenuto un enorme successo internazionale. I suoi prodotti sono stati esportati in tutto il mondo e sono stati esposti nei musei di design più prestigiosi. L’azienda ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti nel settore del design e dell’industria, attestando la sua reputazione di eccellenza.

Sostenibilità e responsabilità sociale:

Negli ultimi anni, Kartell ha anche affrontato le sfide della sostenibilità e della responsabilità sociale. L’azienda ha introdotto materiali riciclabili e processi di produzione eco-sostenibili. Inoltre, si è impegnata a migliorare le condizioni dei lavoratori nella sua catena di approvvigionamento, promuovendo standard etici e sociali.

Eredità e futuro:

Kartell è stata in grado di mantenere la sua posizione di leader nel mondo del design grazie alla sua capacità di adattarsi alle tendenze in evoluzione e di anticipare le esigenze dei consumatori. Continua a sviluppare nuovi prodotti e collaborazioni innovative e rimane una delle aziende di design più riconoscibili e rispettate al mondo.

In conclusione, la storia di Kartell è una storia di innovazione, creatività e collaborazione nel mondo del design. L’azienda ha creato alcuni dei prodotti più iconici del design contemporaneo e ha lasciato un’impronta indelebile nella storia dell’arredamento e dell’arte. Con una visione costante verso il futuro, Kartell continua a ispirare e a ridefinire il mondo del design.

Ron Arad

Ron Arad è uno dei designer e artisti contemporanei più influenti e innovativi nel mondo del design e dell’arte. La sua carriera eclettica e la sua creatività senza limiti lo hanno reso una figura iconica nel campo del design industriale, dell’arte contemporanea e dell’architettura. In questa biografia, esploreremo la vita e le opere di Ron Arad, dalla sua infanzia in Israele alla sua carriera internazionale di successo.

Infanzia e formazione:

Ron Arad è nato il 24 aprile 1951 a Tel Aviv, in Israele. Cresciuto in una famiglia ebrea, ha trascorso la sua giovinezza in un ambiente ricco di cultura e creatività. Dopo aver completato il servizio militare obbligatorio in Israele, si è trasferito a Gerusalemme per studiare all’Accademia delle Belle Arti Bezalel, dove ha iniziato a sviluppare la sua passione per l’arte e il design.

Successivamente, ha continuato i suoi studi a Londra, dove si è iscritto al Dipartimento di Design Industriale al Royal College of Art (RCA). La sua esperienza al RCA ha avuto un profondo impatto sulla sua carriera, in quanto gli ha permesso di esplorare ulteriormente le possibilità creative nel campo del design.

Carriera artistica e design:

Dopo aver completato i suoi studi al RCA, Ron Arad ha iniziato a lavorare come designer e artista a Londra. Nel 1981, ha fondato il suo studio di design, il “One Off,” dove ha creato una serie di opere d’arte e pezzi di design unici. Questi primi lavori includevano mobili, oggetti di illuminazione e opere d’arte scultoree che sfidavano le convenzioni e le aspettative tradizionali del design.

Uno dei suoi pezzi più iconici è la sedia “Rover” (1981), realizzata utilizzando vecchi sedili di automobili. Questo progetto ha stabilito la sua reputazione come designer provocatorio e creativo, interessato a trasformare oggetti comuni in opere d’arte funzionali.

Nei decenni successivi, Ron Arad ha continuato a creare opere straordinarie nel campo del design industriale, spaziando dal mobiliario all’architettura. La sua sedia “Tom Vac” (1997) è diventata un’icona del design contemporaneo, grazie alla sua forma organica e al materiale plastico leggero. Altri lavori importanti includono la serie “Bookworm” (1993), una mensola flessibile in metallo piegato che può essere modellata in varie forme, e la “Voido” (2006), una sedia scultorea in polietilene.

Arad ha anche creato progetti architettonici di grande rilevanza, tra cui il “Design Museum Holon” a Tel Aviv (2010), un edificio dalle forme sinuose e futuristiche, e il “ToHA Tower” a Tel Aviv, un grattacielo distintivo con una facciata ondulata e innovativa.

Opere d’arte contemporanea:

Parallelamente alla sua carriera nel design, Ron Arad ha sviluppato una pratica artistica significativa. Le sue opere d’arte spaziano da installazioni scultoree a pezzi multimediali che esplorano il rapporto tra l’arte, la tecnologia e la percezione. Ha esposto le sue opere in gallerie d’arte di tutto il mondo e ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti per il suo contributo all’arte contemporanea.

Una delle opere più celebri di Arad è “Cage sans Frontières” (2015), un’enorme installazione scultorea composta da migliaia di pezzi di corten in bilico l’uno sull’altro. Quest’opera riflette la sua continua sperimentazione con materiali e forme, sfidando i confini della fisica e dell’ingegneria.

Insegnamento e influenze:

Ron Arad ha condiviso la sua vasta esperienza e la sua visione creativa insegnando in numerose istituzioni accademiche, tra cui il Royal College of Art a Londra e il MIT (Massachusetts Institute of Technology) negli Stati Uniti. Ha influenzato una generazione di designer e artisti con la sua filosofia di pensiero fuori dagli schemi e la sua passione per l’innovazione.

Riconoscimenti e eredità:

La carriera di Ron Arad è stata ricompensata con numerosi premi e onorificenze, tra cui l’Ordine dell’Impero Britannico (OBE) nel 2011 per i suoi servizi all’arte e al design. La sua eredità nel campo del design e dell’arte contemporanea rimane significativa, e le sue opere continuano a essere esposte in musei e collezioni private in tutto il mondo.

In conclusione, Ron Arad è una figura straordinaria nel mondo del design industriale e dell’arte contemporanea. La sua carriera eclettica e le sue opere innovative lo hanno reso una figura iconica, e la sua capacità di sfidare le convenzioni e di spingersi oltre i limiti creativi continua a ispirare designer e artisti di tutto il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui