Probabilmente se hai un camino in casa desideri che sia sempre efficiente, in modo da consumare meno legna e ottenere maggiore calore. Per raggiungere questo risultato può essere utile installare uno scambiatore di calore. Si tratta di uno strumento che non è molto noto al grande pubblico, ma che può rivelarsi davvero importante.

Per capire come uno scambiatore di calore può permetterti di massimizzare il rendimento termico del tuo camino è importante sapere:

  • caratteristiche e funzioni di questo oggetto – in pratica come è strutturato e come funziona uno scambiatore di calore quando abbinato a un camino;
  • vantaggi – quali sono i benefici più importanti di installare uno scambiatore di calore per il camino per il tuo sistema di riscaldamento;
  • installazione – la procedura di installazione e la compatibilità degli scambiatori con gli impianti di riscaldamento;
  • manutenzione – le procedure di manutenzione e i suggerimenti per allungare la vita dello scambiatore di calore per il tuo camino.

Capire cos’è uno scambiatore di calore e come funziona

Prima di correre ad acquistare uno scambiatore di calore per il tuo camino, è utile capire di cosa stiamo parlando. Prima di tutto bisogna considerare il fatto che in un camino, una parte del calore prodotto viene disperso attraverso i fumi di combustione. Per massimizzare l’efficienza del tuo camino e quindi del riscaldamento di casa è utile recuperare, almeno in parte, il calore che si trova all’interno di questi fumi, prima che sia disperso nell’ambiente: proprio la funzione che ha lo scambiatore di calore.

Lo scambiatore di calore quindi altro non è che un tubo che utilizza le alte temperature che sono all’interno dei fumi di combustione per aumentare l’efficienza termica camino, diffondendo il calore nell’ambiente. Per ottenere questo risultato è ovviamente necessario installare lo scambiatore di calore alla canna fumaria a cui è collegato in camino, possibilmente all’inizio della stessa, in modo da limitare al minimo la dispersione dei fumi. 

I vantaggi di utilizzare uno scambiatore di calore in un impianto di riscaldamento

A questo punto potresti chiederti se vale effettivamente la pena di installare sul tuo camino uno scambiatore di calore. La risposta è sicuramente sì: questa soluzione ti permette di recuperare quasi tutto il calore che il tuo camino produce attraverso la combustione della legna. Questo significa massimizzare il rendimento dell’impianto di riscaldamento. Inoltre uno scaldatore di calore installato nel modo corretto è in grado di aumentare il tiraggio della canna fumaria del camino: e anche questo fattore permette un’ottimizzazione del rendimento a livello energetico del camino stesso.

Con l’installazione di uno scambiatore di calore diventa ovviamente possibile diminuire il consumo di legna, quindi risparmiare complessivamente sulla bolletta energetica. E non solo: una minore quantità di combustibile bruciato significa anche una minore emissione di gas nocivi nell’ambiente (per quanto il riscaldamento a legna sia tra i meno inquinanti attualmente disponibili).

Installazione e compatibilità dello scambiatore di calore

Devi ricordare come è assolutamente scegliere lo scambiatore di calore adatto e compatibile con il tuo camino: non sono ammessi errori in questo senso. Questo significa che valutare le misura e la forma della canna fumaria, come dato essenziale per la scelta dello scambiatore.

Inoltre tieni conto dello spazio che hai a disposizione: infatti sono disponibili modelli di scambiatori per camino e stufe di forme e dimensioni diverse, per adattarsi meglio alle diverse necessità. Considerato che l’installazione di uno scambiatore di calore è molto più agevole se effettuata nel momento in cui si installa il camino e la canna fumaria, valuta di lasciare uno spazio adeguato per questa parte dell’impianto.

Installazione e compatibilità: come installare uno scambiatore di calore

Per quel che riguarda l’installazione di uno scambiatore di calore per un camino, ovviamente la soluzione migliore è quella di effettuarla al momento in cui viene installato il camino stesso. Se questo non fosse possibile e volessi installare uno scambiatore di calore in un secondo tempo, dovrai prima di tutto “intercettare” il punto di collegamento tra il camino e il tubo della canna fumaria.

Questa infatti è la posizione più indicata per l’installazione di uno scambiatore di calore, dato che riesce a raccogliere la maggiore quantità di calore emessa nel corso della combustione dal camino. Attenzione anche a raccordare nel modo corretto gli scambiatori con i tubi del camino, per evitare rischi della sicurezza: quindi, va controllata sempre la tenuta dei tubi e dei diversi raccordi.Visualizza informazioni da Pelletfllimirra.IT.

Indicazione di manutenzione per prolungare la vita dello scambiatore di calore

Se vuoi mantenere efficiente a lungo il tuo camino, anche lo scambiatore di calore deve sempre funzionare al meglio. Per ottenere questo è importante effettuare una manutenzione attenta e regolare: in particolare sarebbe utile poter accedere allo scambiatore di calore e alle sue connessioni con tubo e canna fumaria, sia per poterlo pulire sia per controllare che sia sempre collegato in maniera corretta. 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui