Che cos’è il “movimento” Tiny-House e cosa sono le mini case? Qual è l’alternativa a un sempre più alto costo della vita? C’è chi ha dato la risposta: ridurre i costi! E siccome i costi dipendono anche da dove e come abitiamo ecco che nasce un movimento che porta molte persone a considerare ambienti meno spaziosi. Case minuscole sono molto inferiori rispetto a un edificio a grandezza naturale.

Che cos’è il Tiny House Movement 

Il movimento delle Tiny Houses  – noto anche come movimento delle mini case –  è un movimento architettonico e sociale che sostiene il ridimensionamento degli spazi abitativi, la semplificazione ed essenzialmente “vivere con meno”. Sebbene gli alloggi minuscoli rappresentino principalmente un ritorno a una vita più semplice, il movimento è stato anche considerato una potenziale soluzione ecologica per il settore abitativo esistente, nonché un’opzione di transizione fattibile per le persone che vivono la mancanza di un riparo.  Una delle cinque tendenze cui dovremo porre attenzione nei prossimi 5 anni. 

Il futuro dell’Interior Design? Smart Home e Realtà Virtuale

Cosa sono le Tiny Houses?

Sono tendenzialmente abitazioni in cui le persone scelgono di ridimensionare lo spazio in cui vivono, semplificare e vivere con meno. Le persone stanno abbracciando la filosofia di vita in spazi ridotti e la libertà che accompagna lo stile di vita delle minicase casa. Il movimento della tiny house non riguarda semplicemente il vivere in un piccolo spazio (sebbene una piccola casa ne faccia sicuramente parte).

 

Abbiamo tutti visto quesi programmi televisivi americani che mostrano nuovi modi di vivere la casa, con casette su ruote a rimorchio. Si tratta di un modo di vita  più semplice, intelligente e tecnologico, con attenzione all’ambiente e alle energie rinnovabili e con la libertà, dove possibile, di non restare ancorati in un luogo. 

Anche le case mobili, come in generale le casette prefabbricate in legno, devono essere considerate come una forma di edilizia tradizionale e come tale necessita di appositi permessi ed autorizzazioni. Il permesso di costruire, come previsto nelle situazioni di edilizia tradizionali, è quindi richiesto anche per l’installazione di prefabbricati in legno (generalmente sopra i 9mq), case mobili, camper, e roulotte, utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro o magazzini, che non soddisfino esigenze esclusivamente momentanee e temporanee. Quindi è necessario predisporre la richiesta al proprio Comune con un tecnico abilitato. Tale permesso deve essere depositato all’Ufficio Tecnico che ha il compito di esaminare la richiesta, il progetto e tutta la documentazione allegata. Solo con l’assenso è possibile procedere alla costruzione.

Se poi la casa è mobile, e dunque facilmente trasportabile, non significa che possa sempre girare per strada, almeno in Italia, dove il Codice della Strada prevede alcune restrizioni.
Il “rimorchio-casa” deve possedere una targa, essere omologato al trasporto ed avere una larghezza massima di 2,55 m. Anche le altre dimensioni dovranno rispettare le specifiche di omologazione della tipologia di rimorchio. Questo apparato, inoltre, necessita di revisioni periodiche da parte della Motorizzazione Civile.
Case mobili non omologate possono sostare solo in aree adibite a ricezione turistica, come villaggi, campeggi e agriturismo.

Tuttavia, per evitare abusi edilizi in aree turistiche, il Consiglio di Stato ha specificato, con la sentenza n.1291/2016, che anche in caso di strutture turistiche, un manufatto potenzialmente mobile, ma fissato in modo permanente, con allacci e ancoraggi stabili, perde la condizione di precarietà e temporaneità e necessita di Permesso di Costruire.

Quanto è grande una minicasa?

In Italia ci sono criteri abitativi da rispettare. Con la legge 27 maggio 1975, n. 166 Norme per interventi straordinari di emergenza per l’attività edilizia, sono state stabilite le seguenti regole: in caso di alloggi monolocale la superficie minima comprensiva dei servizi, non può essere inferiore a mq 28 per una persona o mq. 38 se per due persone. 

Anche se ovviamente non ci sono regole per unirsi al movimento della mini casa,  generalmente cade si al di sotto del livello di 40 metri quadrati compresi i servizi.

La nuova mini casa Ikea su ruote  

Ikea ha lanciato “Tiny Home Project” per promuovere sostenibilità, l’inclusione e l’innovazione

La multinazionale del mobile Ikea ha stretto una partnership con la piccola azienda americana Escape Homes per lanciare il “Tiny Home Project“, incentrato sull’edilizia sostenibile e sul rispetto dell’ambiente. L’azienda nordamericana propone questa casa di poco più di 17 mq, con una camera da letto, soggiorno, cucina e bagno, per 47.550 dollari (circa 40.300 euro). La versione con i mobili Ikea viene offerta a 63.350 dollari(poco più di 53.700 euro).

Conclusioni 

Perché la tendenza della casa minuscola sta diventando così popolare? Perché il costo medio di una casa minuscola è molto inferiore a quello di una casa media. Una volta che hai acquistato la tua piccola casa (le attuali tendenze del mercato delle piccole case mostrano che le piccole case costano tra $ 10.000 e $ 40.000), il costo di manutenzione è relativamente bassa. A seconda di dove parcheggi la tua piccola casa, potresti dover pagare per l’affitto del terreno e l’assicurazione, ma a lungo termine, il risparmio su una piccola casa è enorme.

Un concorso aperto a tutti per progettare una minicasa di 25 metri quadri  

Microhome: un concorso per immaginare un modulo abitativo di 25 mq

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui