Il  piattino per il pane quando lo si mette in tavola e in che posizione?

Csaba della Zorza è un’esperta di cuisine e, in particolare, di mise-en-place, ovvero di come preparare e presentare in modo impeccabile i piatti, il tovagliato e gli oggetti che compongono l’ambiente di una tavola. Grazie alla sua esperienza come pittrice, Csaba ha sviluppato uno stile unico e inconfondibile, declinato in un’infinità di opzioni, che spaziano dalle mise più sofisticate a quelle più informali.

Csaba della Zorza è un'esperta di cuisine e, in particolare, di mise-en-place, ovvero di come preparare e presentare in modo impeccabile i piatti, il tovagliato e gli oggetti che compongono l'ambiente di una tavola. Grazie alla sua esperienza come pittrice, Csaba ha sviluppato uno stile unico e inconfondibile, declinato in un'infinità di opzioni, che spaziano dalle mise più sofisticate a quelle più informali.
CORTESIE PER GLI OSPITI

Secondo Csaba, la mise-en-place è una vera e propria arte, che richiede molta tecnica, esercizio e soprattutto creatività. La mise-en-place non è solo una questione di estetica, ma è anche funzionale: deve permettere di gustare i piatti in modo confortevole, incoraggiare la convivialità e il dialogo tra i commensali, e rappresentare il mood dell’occasione.

Qui le informazioni per il libro Cortesie per gli Ospiti, tratto dall’omonimo programma di successo.

Per Csaba, l’importante è trovare il giusto equilibrio tra le esigenze estetiche e quelle funzionali, senza mai dimenticare l’originalità e l’eleganza. Per fare ciò, bisogna prestare attenzione a tutti i dettagli, dalla scelta del tovagliato alla disposizione delle posate, dalla selezione dei centrotavola ai bicchieri da vino.

Una delle cose più importanti per Csaba è la scelta del tovagliato: questo deve essere sempre in tessuto, preferibilmente di lino o cotone, e deve essere immacolato e stirato alla perfezione. Inoltre, il tovagliato deve essere in sintonia con gli altri elementi della mise-en-place, come i piatti, i bicchieri e i centrotavola.

Ma come apparecchiare una tavola in modo perfetto? Innanzitutto, bisogna partire dai piatti che si vogliono servire: questi devono essere sempre in sintonia con il tipo di evento che si sta organizzando, e devono essere disposti in modo essenziale ma elegante. Ad esempio, per un pranzo formale, si possono utilizzare piatti bianchi di porcellana con bordi dorati, mentre per un picnic estivo si possono usare piatti di ceramica colorata a pois.

Come si apparecchia la tavola seguendo il Galateo

Le posate, poi, devono essere disposte in modo preciso e ordinato: si parte dalle posate più grandi, ovvero quelle per il primo e secondo piatto, che vengono posizionate ai lati del piatto. Successivamente, si dispongono le posate per l’antipasto e il dessert, posti inizialmente fuori dal piatto e poi riposti sopra o sopra gli altri.

Anche i bicchieri hanno un ruolo fondamentale nella mise-en-place: si possono utilizzare bicchieri dal design unico e moderno per un’occasione informale, mentre per eventi più formali si sceglie vetro cristallino con forme più classiche. L’importante è che i bicchieri siano sempre in sintonia con gli altri elementi della mise-en-place.

Ma la mise-en-place non è solo questione di piatti e bicchieri: è importante anche creare un’atmosfera accogliente e rilassata, che incoraggi la convivialità tra i commensali. Ciò può essere fatto attraverso l’uso di candele profumate, centrotavola realizzati con fiori freschi, tovagliati colorati e dettagli originali come tazzine da caffè personalizzate.

La mise-en-place è dunque l’arte di preparare una tavola in modo perfetto, senza trascurare la funzionalità e l’estetica. Csaba della Zorza ci ha insegnato alcune importanti regole per creare una perfetta mise-en-place, a partire dal tovagliato fino alle posate e ai bicchieri, ma anche attraverso l’uso di dettagli preziosi che rendono unica e originale la tavola. Grazie alla sua esperienza e alla sua passione, Csaba ha dimostrato che la mise-en-place è molto più di un semplice compito pratico, ma è un’arte a tutti gli effetti, capace di trasformare ogni pranzo o cena in un momento speciale e indimenticabile.

Galateo: 6 cose da non dire mai a tavola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui