Quando si parla di riviste scientifiche bisogna distinguere tra riviste peer review, rivolte ad altri scienziati o giornalisti scientifici, e riviste di divulgazione scientifica, che sono rivolte al grande pubblico. Noi ci occuperemo in questo articolo di queste ultime, ovvero delle migliori riviste di divulgazione della scienza in Italia.

La divulgazione scientifica è il processo attraverso il quale la conoscenza scientifica viene trasmessa e resa comprensibile al grande pubblico. Questo è importante perché la scienza gioca un ruolo fondamentale nella vita quotidiana delle persone e nella società in generale, influenzando la tecnologia, la medicina, l’energia e molte altre aree della vita.

Tutto ciò mira a rendere la scienza accessibile a tutti, indipendentemente dal loro livello di formazione scientifica o di conoscenza tecnica. Ciò può essere fatto attraverso varie forme di media, come riviste, libri, programmi televisivi, siti web, social media e molto altro ancora.

Questo lavoro di divulgazione è importante perché aiuta a creare una società più informata e a rendere la scienza una parte integrante della cultura popolare. In questo modo, la scienza non viene vista come un mistero incomprensibile, ma come una parte importante della vita quotidiana e un fattore chiave nella risoluzione dei problemi globali.

Inoltre, aiuta a promuovere una maggiore comprensione e partecipazione della società nei processi decisionali che riguardano la scienza e la tecnologia. Questo può aiutare a garantire che le decisioni prese siano fondate sulla conoscenza e sulla comprensione, e che siano sostenibili e responsabili.

In sintesi, la divulgazione scientifica è una parte fondamentale del processo scientifico e un mezzo importante per garantire che la scienza sia comprensibile, accessibile e partecipativa per tutti.

Alcune delle più importanti riviste online di divulgazione scientifica in Italia

Ci sono molte fonti online dove è possibile leggere riviste scientifiche gratuitamente o a pagamento. Ecco alcuni dei principali siti:

  1. Almanacco della Scienza – Rivista del Consiglio Nazionale delle Ricerche
  2. Pikaia – Biologia ed evoluzione animale ed umana
  3. Asimmetrie – Rivista dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
  4. Gravità Zero – Rivista di cultura tecnico-scientifica
  5. Le Scienze – edizione italiana di Scientific American (a pagamento) 
  6. Villaggio Globale – trimestrale di ecologia
  7. La Stampa – Tuttoscienze
  8. Galileo – Giornale di scienza e problemi globali
  9. Focus- notizie su scienza, natura, ambiente, animali e tecnologia
  10. Sapere 
  11. Wired
  12. National Geographic Italia
  13. Il Post – Scienza

All’estero alcune delle più popolari sono: 

  • Scientific American: una delle riviste di divulgazione scientifica più antiche e rispettate al mondo, che pubblica articoli su una vasta gamma di argomenti scientifici.
  • National Geographic: una rivista popolare che copre una vasta gamma di argomenti scientifici, inclusi geografia, biologia, astronomia e molto altro.
  • New Scientist: una rivista britannica che copre una vasta gamma di argomenti scientifici, inclusi biologia, fisica, tecnologia e molto altro.
  • Discover: una rivista che copre una vasta gamma di argomenti scientifici, inclusi biologia, fisica, tecnologia e molto altro.
  • Popular Science: una rivista che copre una vasta gamma di argomenti scientifici e tecnologici, inclusi l’energia, la robotica, la biotecnologia e molto altro.
 
Fondata nel 1880 con il sostegno dell’inventore americano Thomas Edison, Science è cresciuta fino a diventare la più importante rivista mondiale per la ricerca avanzata, le notizie e i commenti scientifici, con la diffusione a pagamento più ampia di qualsiasi rivista scientifica generalista peer-reviewed.
Link per approfondire: La rivista science

Differenza tra giornalismo scientifico e divulgazione scientifica 

Il giornalismo scientifico e la divulgazione scientifica sono entrambi modi di comunicare la scienza al pubblico, ma hanno obiettivi e approcci diversi.

Il giornalismo scientifico è una forma di giornalismo che si concentra sulla copertura della scienza e della tecnologia. I giornalisti scientifici lavorano per raggiungere un pubblico ampio e diverso, e il loro obiettivo è quello di presentare informazioni scientifiche accurate e obiettive in modo accessibile e interessante. Il giornalismo scientifico spesso copre le ultime scoperte scientifiche, le tendenze nella ricerca e le questioni di attualità legate alla scienza.

La divulgazione scientifica, d’altra parte, è il processo di trasmissione della conoscenza scientifica al grande pubblico in modo che possa essere compreso e apprezzato. La divulgazione scientifica utilizza una varietà di mezzi, tra cui riviste, libri, programmi televisivi, siti web, social media e molto altro, per raggiungere il pubblico e rendere la scienza accessibile a tutti. Il focus della divulgazione scientifica è sulla comprensione e l’apprendimento, piuttosto che sulla presentazione delle ultime scoperte o sulla copertura delle questioni di attualità.

In sintesi, il giornalismo scientifico si concentra sulla copertura della scienza e presenta informazioni scientifiche accurate e obiettive al pubblico in modo accessibile e interessante. La divulgazione scientifica, d’altra parte, si concentra sulla trasmissione della conoscenza scientifica in modo che possa essere compreso e apprezzato dal pubblico.

Cosa si intende per Outreach? 

L’outreach, o outreach scientifico, si riferisce all’attività di comunicazione e promozione della scienza al di fuori del mondo accademico. L’obiettivo dell’outreach scientifico è quello di rendere la scienza accessibile e comprensibile per il grande pubblico, incoraggiare la comprensione e l’interesse per la scienza, e migliorare la rappresentazione della scienza nella cultura popolare.

L’outreach scientifico può assumere molte forme, tra cui conferenze, programmi educativi, visite a musei scientifici, eventi per le scuole, social media e molto altro. Può essere effettuato da scienziati, enti di ricerca, istituzioni accademiche, organizzazioni scientifiche e molte altre parti interessate.

L’outreach scientifico è importante perché aiuta a creare una cultura in cui la scienza è valorizzata e rispettata, e incoraggia la formazione di opinioni informate su questioni scientifiche e tecnologiche. Inoltre, aiuta a promuovere la diversità e l’inclusività nella comunità scientifica, incoraggiando la partecipazione di persone di tutti i background e di tutte le età.

Come si diventa giornalista scientifico?

Diventare un giornalista scientifico richiede una combinazione di formazione accademica e esperienza pratica nel campo della giornalistica. Ecco alcuni passi che è possibile seguire per diventare un giornalista scientifico:

  1. Formazione: è importante avere una formazione solida nella scienza e nella giornalistica. Un Corso di formazione in giornalismo scientifico, meglio se post laurea, è un must. 
  2. Esperienza pratica: è importante acquisire esperienza pratica nel campo della giornalistica, che possa includere la scrittura di articoli per riviste universitarie o locali, la creazione di blog o il volontariato presso organizzazioni di giornalismo scientifico.
  3. Networking: costruire relazioni e connessioni con persone nel settore del giornalismo scientifico può aiutare a ottenere opportunità di lavoro e a stabilire una presenza nel settore.
  4. Sviluppare competenze specialistiche: diventare esperti in un particolare campo della scienza può aiutare a differenziarsi e a ottenere opportunità di lavoro in quel settore.
  5. Continua formazione: è importante mantenere una conoscenza attuale e una comprensione approfondita dei nuovi sviluppi nella scienza e nella tecnologia.

Domande? Indirizzatele alla nostra redazione info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui