A partire dal 1 gennaio 2022, la popolazione dell’Ucraina è di 41,1 milioni di persone, secondo il Servizio di statistica statale dell’Ucraina (i dati non includono la Crimea temporaneamente occupata). Ciò rende l’Ucraina il 7° paese europeo più grande e il 35° al mondo per popolazione. Tuttavia, questo numero potrebbe essere diverso a causa della guerra in corso e del fatto che milioni di ucraini hanno dovuto fuggire dalla guerra e cercare un rifugio temporaneo all’estero.

Fino al 70% della popolazione ucraina vive nelle aree urbane. Le città più grandi sono Kyiv, Kharkiv, Lviv, Odesa, Dnipro e Donetsk. Circa 3 milioni di persone vivono nella capitale Kyiv, che può essere paragonata, ad esempio, alla popolazione della Lituania.

La popolazione dell’Ucraina è molto diversificata – oltre 100 diverse nazioni vivono qui. Pertanto, molte culture, tradizioni e radici convivono e si completano a vicenda. Le comunità nazionali più grandi del paese includono moldavi, tatari di Crimea, bulgari, ungheresi, bielorussi, rumeni, polacchi, ebrei, greci e altri.

Anche gli ucraini hanno un grande numero di comunità nazionali all’estero. Secondo il Congresso Mondiale Ucraino (UWC), più di 20 milioni di ucraini vivono in più di 60 paesi in tutto il mondo, con le comunità più grandi in Canada, USA, Brasile, Argentina, Russia, Moldavia e Kazakistan.

Ora, dopo una completa invasione russa, sempre più persone ucraine sono costrette a lasciare le loro case e il loro paese in cerca di sicurezza. L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati segnala che, al 19 luglio 2022, sono stati registrati quasi sei milioni di rifugiati ucraini in Europa. Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, a giugno 2022 sono rimasti anche 6,2 milioni di sfollati interni.

Kiev Ucraina
Kiev – Ucraina

La storia dell’Ucraina e dei suoi abitanti 

L’Ucraina, situata nell’Europa orientale, ha una lunga e complessa storia che risale a migliaia di anni fa. Gli antichi popoli nomadi delle steppe ucraine hanno creato le fondamenta per la cultura ucraina moderna, mentre i successivi imperi, come quello russo e sovietico, hanno contribuito a plasmare la sua identità. La storia degli abitanti dell’Ucraina è ricca di eventi che hanno definito l’identità etnica e nazionale del paese, tra cui conflitti politici, dispute territoriali e guerre.

Le origini dell’Ucraina possono essere rintracciate nell’antichità. Gli Sciti nomadi hanno vissuto nella regione intorno al VI secolo a.C. e sono stati seguiti da altri gruppi nomadi come i Sarmati e gli Hsiung-nu. Nel IX secolo, la regione fu unita sotto la tribù slava degli antenati degli Ucraini, noti come russi. Nel corso dei secoli, la regione è stata coinvolta in numerose dispute territoriali tra le varie tribù slave, così come tra i vari imperi che hanno cercato di controllare l’area.

Uno dei periodi più importanti della storia dell’Ucraina è il periodo Kievan Rus. Nel IX secolo, il principe di Kiev Varangian Rurik fondò la dinastia Rurik, che governò l’Ucraina fino al 1170. Kiev divenne un centro di potere e di cultura, e il cristianesimo ortodosso è stato adottato come religione ufficiale. Dopo la caduta del regno di Kiev nel XII secolo, la regione fu divisa in vari principati, ognuno dei quali governato da un principe locale.

Nel XVIII secolo, l’impero russo annesse gran parte dell’Ucraina, che rimase una terra di confine tra l’Impero austro-ungarico e l’Impero russo fino alla prima guerra mondiale. Durante la prima guerra mondiale, l’Ucraina dichiarò l’indipendenza dall’Impero russo, ma fu presto invasa dalle truppe tedesche. Nel 1917, l’Ucraina dichiarò ancora una volta l’indipendenza, ma fu presto avvolta dalla guerra civile che durò fino al 1921, al termine della quale l’Ucraina divenne parte dell’Unione Sovietica.

Il periodo sovietico ha segnato un’importante tappa nella storia dell’Ucraina. Durante gli anni ’20 e ’30, il regime comunista collettivizzò l’agricoltura e istituì proprietà collettive in tutto il paese. Migliaia di ucraini furono esiliati o giustiziati durante la cosiddetta Grande Purga che, tra il 1936 e il 1938, vide la morte di molte persone accusate ingiustamente di tradimento e sabotaggio. Nel 1932-33, durante il periodo della cosiddetta carestia organizzata, che colpì l’intera Unione Sovietica ma in Ucraina causò la morte di milioni di persone, i colletti di grano furono prelevati dal regime sovietico, causando la morte di almeno sei milioni di ucraini.

Durante la seconda guerra mondiale, l’Ucraina subì gravi danni. Durante l’occupazione nazista, furono commessi crimini di guerra contro la popolazione civile, tra cui l’uccisione di massa, la deportazione e la distruzione di infrastrutture. Durante il periodo sovietico, l’Ucraina ha risentito ancora una volta della repressione politica. Nel 1986, l’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl ha causato una catastrofe ecologica che ha avuto effetti negativi sulla salute umana e sull’ambiente.

Dopo il collasso dell’Unione Sovietica nel 1991, l’Ucraina ha dichiarato nuovamente l’indipendenza. Tuttavia, il paese ha continuato a lottare per la sua identità nazionale e territoriale. Il territorio della Crimea, che era stato assegnato all’Ucraina da Chruščëv nell 1954, è stato annesso dalla Russia nel 2014, provocando le condane internazionali dei governi. Ciò ha provocato le tensioni tra la potente Russia e l’Ucraina, e ha avviato una crisi in cui decine di migliaia di persone sono morte nei combattimenti nella regione separatista dell’est dell’Ucraina (nel Donbass).

Il conflitto con la Russia ha evidenziato ulteriormente la complessa storia dell’Ucraina. L’identità del paese è stata forgiata da popoli nomadi, da diverse tribù slave, dall’impero russo, dall’Unione Sovietica e dalla recente guerra civile. L’Ucraina rappresenta una miscela di culture, religioni e lingue, tutte influenzate dalla sua posizione geografica e dalle varie potenze che hanno cercato di controllare l’area nel corso dei secoli.

Nonostante le sfide che il paese ha dovuto affrontare, gli abitanti dell’Ucraina hanno continuato a lottare per la loro identità culturale e nazionale. La letteratura, la musica e le altre arti sono fioriti in Ucraina, dimostrando la sua forza culturale. Attualmente, l’Ucraina sta cercando di svilupparsi come una moderna democrazia europea, mentre continua a lottare per la sua integrità territoriale. L’identità del paese e dei suoi abitanti continua ad evolversi e ad adattarsi alle sfide del presente, ma rimane fortemente radicata nella sua ricca e complessa storia.

Alcuni tra gli architetti ucraini più importanti

  • Vladislav Gorodetsky – è stato uno dei più grandi architetti ucraini del XX secolo e ha progettato l’edificio del Teatro dell’Opera di Kiev, l’edificio del Conservatorio di Kiev e il Museo Nazionale di Arte Ucraina.
  • Ivan Levynskyi – è stato uno dei primi architetti ucraini del XVIII secolo e ha progettato molte chiese e monasteri in Ucraina.
  • Oleksandr Beketov – è stato un architetto del XIX secolo che ha progettato molte importanti strutture a Kharkiv, tra cui il Palazzo degli Studenti e l’edificio del Museo d’Arte.
  • Oleg Drozdov e Valeriy Didkovskyi – sono due architetti contemporanei che hanno progettato molte importanti strutture in Ucraina, tra cui il nuovo Terminal D dell’aeroporto di Kiev Boryspil e il complesso residenziale “Park Avenue” a Kiev.
  • Vasyl Krychevsky – è stato un architetto del XX secolo che ha progettato molte importanti strutture a Kiev, tra cui la stazione della metropolitana di Khreshchatyk.

Interior Designer ucraini

  • Sergey Makhno – Sergey Makhno è uno dei più rinomati designer d’interni ucraini. Conosciuto per i suoi design innovativi, si specializza nella creazione di interni unici che combinano modernità con lo stile tradizionale ucraino.
  • Vitaliy Yurov – Vitaliy Yurov è un pluripremiato designer d’interni ucraino, noto per i suoi design eclettici che presentano una combinazione di elementi antichi e moderni. È altamente abile nell’incorporare texture e colori naturali nei suoi design.
  • Artem Trigubchak – Con sede a Kiev, Artem Trigubchak è un designer d’interni molto rispettato che ha lavorato su progetti in Europa e Medio Oriente. Lo stile distintivo di Trigubchak è minimalista ma caloroso, con un’enfasi sui materiali e le texture naturali.
  • Dmytro Aranchii – Dmytro Aranchii è noto per i suoi design audaci e innovativi, che spesso incorporano elementi futuristici. Il suo lavoro è altamente sperimentale e può essere visto in molti spazi commerciali e pubblici in tutto l’Ucraina.
  • Victoria Yakusha – Victoria Yakusha è una pluripremiata designer d’interni e di mobili. È nota per i suoi eleganti design che utilizzano elementi tradizionali ucraini in un contesto moderno. Il lavoro di Yakusha è molto richiesto sia in Ucraina che all’estero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui