L’oncia è un’unità di misura di peso utilizzata principalmente nei paesi anglosassoni come gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Australia. Sebbene il sistema metrico sia utilizzato in molti paesi del mondo, l’oncia rimane comunque una misura di riferimento per la cucina, la produzione di bevande alcoliche e molti altri settori.

Ma a quanti grammi corrisponde un’oncia? La risposta dipende dal tipo di oncia a cui ci si riferisce, poiché ne esistono diverse varianti utilizzate in differenti contesti.

L’oncia avoirdupois

L’oncia avoirdupois, anche conosciuta come oncia commerciale, è l’unità di misura dell’attuale sistema imperiale britannico e viene utilizzata principalmente nei paesi anglosassoni. Un’oncia avoirdupois corrisponde a circa 28,35 grammi. In altre parole, ci sono circa 35,27 oncie avoirdupois in un chilogrammo.

Questa unità di misura prende il nome dall’antico sistema di pesatura francese che risale al XIII secolo, quando venne introdotto il sistema di pesatura di Troyes. Il termine avoirdupois deriva dal francese antico “aveir de peis”, che significa “aver peso”.

L’oncia troy

L’oncia troy, anche conosciuta come oncia di peso monetario, è un’unità di misura utilizzata principalmente per pesare metalli preziosi come l’oro e l’argento. Un’oncia troy corrisponde a circa 31,10 grammi, ovvero 1,09714 oncie troy in un’oncia avoirdupois.

Il sistema di pesatura di Troyes venne introdotto in Francia nel XII secolo e venne utilizzato per pesare metalli preziosi. Nel XV secolo, questo sistema di pesatura venne adottato anche in Inghilterra, dove venne utilizzato soprattutto per pesare le monete d’oro e d’argento.

L’oncia fluida

L’oncia fluida, anche conosciuta come oncia liquida, è un’unità di misura utilizzata per quantificare il volume dei liquidi. Un’oncia fluida corrisponde a circa 29,57 millilitri. Ci sono circa 33,81 once fluide in un litro.

Questa unità di misura venne introdotta nel XVIII secolo in Inghilterra e venne utilizzata soprattutto per misurare le bevande alcoliche come il vino e la birra.

L’oncia farmaceutica

L’oncia farmaceutica è un’unità di misura utilizzata in campo farmaceutico per quantificare il volume dei liquidi. Un’oncia farmaceutica corrisponde a circa 30 millilitri. Ci sono circa 33,33 once farmaceutiche in un litro.

Questa unità di misura venne utilizzata per la prima volta nel XVIII secolo in Inghilterra e venne adottata anche in molti paesi europei per quantificare i dosaggi dei farmaci.

L’oncia da cucina

L’oncia da cucina è un’unità di misura utilizzata principalmente in cucina per quantificare il peso degli ingredienti. Un’oncia da cucina corrisponde a circa 28,35 grammi, ovvero la stessa quantità di un’oncia avoirdupois. Tuttavia, nella pratica culinaria, l’oncia da cucina è spesso utilizzata in modo impreciso, poiché il peso degli ingredienti può variare in base alla densità e alla consistenza.

Se si vuole sapere quanti grammi ci sono in 10 once, si deve moltiplicare il numero di once per il fattore di conversione

L’oncia da cocktail

L’oncia da cocktail, anche conosciuta come jigger, è un’unità di misura utilizzata per dosare gli ingredienti nei cocktail. Un’oncia da cocktail corrisponde a circa 44 millilitri. Tuttavia, anche in questo caso, la quantità di liquido può variare in base alla densità degli ingredienti.

In conclusione, quanti grammi sono un’oncia dipende dal tipo di oncia a cui ci si riferisce. L’oncia avoirdupois, utilizzata principalmente nei paesi anglosassoni, corrisponde a circa 28,35 grammi, mentre l’oncia troy, utilizzata per pesare metalli preziosi, corrisponde a circa 31,10 grammi. L’oncia fluida, utilizzata per quantificare il volume dei liquidi, corrisponde a circa 29,57 millilitri, mentre l’oncia da cucina, utilizzata in cucina per quantificare il peso degli ingredienti, corrisponde a circa 28,35 grammi. Infine, l’oncia da cocktail, utilizzata per dosare gli ingredienti nei cocktail, corrisponde a circa 44 millilitri.

La storia di questa unità di misura

L’oncia è un’unità di misura che risale all’antichità. L’origine del termine “oncia” deriva dal latino “uncia”, che significa “la dodicesima parte”. Nell’antica Roma, l’oncia era una delle dodici parti in cui si divideva la libra romana, l’unità di misura di peso utilizzata nell’impero romano.

Con l’avvento del sistema metrico decimale, l’oncia venne sostituita dal grammo, tuttavia rimase in uso nei paesi anglosassoni e in alcune parti del mondo come unità di misura per il peso.

Nel corso dei secoli, l’oncia è stata utilizzata per pesare una vasta gamma di prodotti, tra cui metalli preziosi, spezie, tessuti e altri beni di consumo. L’oncia veniva utilizzata sia in Europa che in America coloniale come unità di misura per il commercio di prodotti come zucchero, caffè, tè e tabacco.

Durante il XVIII secolo, l’oncia subì alcune modifiche, dando origine a diverse varianti. In Inghilterra, venne introdotta l’oncia avoirdupois, utilizzata per pesare prodotti come carne, farina, lana e tessuti. Questa unità di misura era definita come la sedicesima parte della libbra avoirdupois, l’unità di misura di peso utilizzata in Gran Bretagna.

Negli Stati Uniti, venne introdotta l’oncia troy, utilizzata per pesare metalli preziosi come l’oro e l’argento. L’oncia troy era definita come la dodicesima parte della libbra troy, l’unità di misura di peso utilizzata per i metalli preziosi.

Oltre alle varianti utilizzate per il peso, esistono altre varianti dell’oncia utilizzate in altri contesti. Ad esempio, l’oncia fluida è utilizzata per quantificare il volume dei liquidi, mentre l’oncia da cucina è utilizzata per quantificare il peso degli ingredienti nella cucina.

Quanti grammi sono una oncia d’oro, quanto vale e pesa un lingotto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui