Il nostro direttore, Claudio Pasqua modera l’incontro tra la direttrice di edizioni sindacali e autrice del libri Ada Fichera e Cesare Ranucci Rascel, cantante, produttore e autore televisivo.

Nel dialogo svoltosi al Salone Internazionale del Libro di Torino tra Cesare Ranucci Rascel, compositore, produttore e figlio d’arte (Renato Rascel), e Ada Fichera, autrice e giornalista, moderato da Claudio Pasqua, si è approfondito il tema del recente libro di Fichera, “Tecnofilia o tecnocrazia? Riflessioni per i ‘prossimi terrestri'”. Il video dell’intervista, prodotto per stimolare una riflessione critica sul ruolo della tecnologia nella società moderna, ha offerto numerosi spunti di discussione.

 

Ada Fichera nel suo libro affronta la dualità tra il potenziale benefico della tecnologia, la “tecnofilia“, e i pericoli di una “tecnocrazia” in cui la tecnologia domina e limita le libertà individuali. Durante l’intervista, Fichera ha sottolineato come la tecnologia possa essere un potente alleato nella vita quotidiana e nel lavoro, ma ha anche messo in guardia contro i rischi di una sua accettazione incondizionata che potrebbe portare a conseguenze negative, quali l’isolamento sociale e la perdita di autonomia.

Cesare Ranucci Rascel ha contribuito al dialogo con riflessioni sulle implicazioni artistiche della tecnologia. Da compositore, Ranucci Rascel ha esplorato come la tecnologia influenzi la creazione musicale, dalla composizione alla distribuzione. Ha condiviso come l’integrazione della tecnologia nel processo creativo possa ampliare le possibilità espressive, pur mantenendo una certa cautela sul rischio che essa possa sopraffare l’essenza umana nell’arte.

Claudio Pasqua ha moderato l’incontro con domande che hanno spinto i partecipanti a considerare sia le opportunità che i dilemmi etici presentati dall’avanzamento tecnologico. Il dialogo ha anche toccato temi come l’educazione e il futuro del lavoro, riflettendo su come la tecnologia stia rimodellando questi ambiti fondamentali della vita umana.

L’intervista ha offerto un panorama complesso e sfaccettato sulle intersezioni tra tecnologia, società e cultura, evidenziando come il futuro possa essere plasmato da scelte consapevoli riguardo all’adozione e all’integrazione delle nuove tecnologie. Una riflessione sul tipo di futuro che desiderano, facendo eco al messaggio centrale del libro di Ada Fichera: è essenziale bilanciare l’entusiasmo per il progresso tecnologico con una riflessione critica sulle sue implicazioni a lungo termine.

La prefazione di Federico Mollicone introduce il saggio, che esplora il complesso rapporto tra tecnologia e società, un tema sempre più rilevante nell’era del consumismo e dell’automazione. Il testo analizza se la tecnologia serve come strumento di supporto per il lavoratore, alleggerendogli il carico di lavoro, o se rappresenta una minaccia che potrebbe dominarlo e eventualmente sostituirlo.

Attraversando diverse epoche, da Ernst Jünger all’era dell’Intelligenza Artificiale, il saggio affronta la questione da molteplici prospettive: filosofica, sociologica, storica, etica e sindacale. Si discute come la tecnologia abbia trasformato il settore lavorativo e l’educazione, sottolineando che, sebbene la tecnologia sarà sempre più protagonista nei contesti produttivi e accademici, il suo predominio non deve trasformarsi in un controllo totale, che porterebbe alla solitudine e alla cosiddetta “demenza digitale”.

Il saggio prosegue indagando come questi sviluppi influenzino i concetti di democrazia e libertà, ponendosi domande cruciali sulla natura della “tecnocrazia” e su come questa possa mettere a rischio questi valori fondamentali. Infine, si riflette sul tipo di mondo che stiamo costruendo per le future generazioni.

L’autrice del saggio, Ada Fichera, è una giornalista e direttrice editoriale con una ricca carriera accademica e numerose pubblicazioni. Ha ricevuto riconoscimenti significativi per il suo lavoro e continua a essere una voce influente nel campo della filosofia, della storia del pensiero del Novecento e del sindacalismo. Attraverso le sue pubblicazioni e il suo lavoro editoriale, Fichera si dedica a esplorare temi cruciali per comprendere le dinamiche sociali e lavorative contemporanee, con un focus particolare sulle implicazioni della tecnologia nella società moderna.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui