Gli oroscopi, lo zodiaco e l’astrologia in generale hanno una lunga storia ed un fascino che perdura da millenni. Tuttavia, è fondamentale distinguere tra le antiche credenze e la conoscenza scientifica odierna. Recentemente, sono emerse alcune tendenze che suggeriscono un collegamento tra il segno zodiacale di una persona e il tipo di animale domestico che sarebbe più adatto a lei.

Ma quanto c’è di vero in questo?

1. Astronomia vs. Astrologia

L’astrologia, la pratica di collegare gli eventi terrestri alle posizioni e ai movimenti dei corpi celesti, è basata su principi non scientifici. D’altro canto, l’astronomia è la scienza che studia gli astri e lo spazio. Mentre l’astrologia si basa su segni zodiacali e pianeti per fare previsioni sulla personalità e il destino, l’astronomia si concentra sulle reali posizioni e movimenti dei corpi celesti.

Vi fareste curare da un medico che abbia le sole e scarse conoscenze dell’epoca medioevale?

2. I segni zodiacali non corrispondono più alle costellazioni

Migliaia di anni fa, quando furono stabiliti gli oroscopi, la posizione delle stelle nel cielo corrispondeva all’assegnazione dei segni zodiacali. Tuttavia, a causa della precessione degli equinozi, un fenomeno dovuto all’oscillazione dell’asse terrestre, la posizione delle stelle è cambiata nel tempo. Questo significa che il segno zodiacale sotto il quale una persona nasce oggi non corrisponde più alla costellazione che un tempo rappresentava. Questo è dovuto alla scarsa conoscenza astronomica dell’epoca. Già questo dovrebbe metterci in guarda: voi vi fareste curare da un medico che abbia le conoscenze dell’epoca medioevale?

3. La personalità non è determinata dalle stelle

Anche se si crede che il segno zodiacale possa influenzare la personalità, la scienza non ha mai trovato prove concrete di questo collegamento. Pertanto, suggerire che un determinato segno zodiacale dovrebbe preferire un certo tipo di animale domestico sulla base di generalizzazioni astrologiche non ha basi scientifiche.

Decidere di portare un animale nella propria vita è una responsabilità immensa che va ben oltre la semplice soddisfazione del proprio ego o desiderio momentaneo

4. Le esigenze degli animali domestici

Ogni animale domestico ha esigenze specifiche che vanno ben oltre la personalità dell’individuo. Ad esempio, l’adozione di un cane potrebbe dipendere più dallo stile di vita, dallo spazio abitativo e dalla disponibilità di tempo di una persona piuttosto che dal suo segno zodiacale.

Dunque, sebbene l’astrologia possa offrire una prospettiva divertente e talvolta perspicace sulla vita, è importante ricordare che non ha fondamenti scientifici, soprattutto quando si tratta di prendere decisioni importanti come l’adozione di un animale domestico. La scelta del compagno peloso perfetto dovrebbe basarsi su considerazioni pratiche, ricerche sull’animale e un’attenta riflessione sulle proprie capacità e disponibilità.

L’astrologia: semplice credenza senza basi scientifiche serie 

L’astrologia è classificata come una pseudoscienza e una credenza a causa delle sue caratteristiche intrinseche e della sua mancanza di adesione ai principi scientifici standard. Ecco alcune ragioni per cui l’astrologia è considerata tale:

1. Mancanza di basi empiriche: La scienza si basa sull’evidenza empirica, osservazioni e sperimentazioni che possono essere replicate e verificate. L’astrologia, d’altro canto, non ha basi empiriche solide per sostenere le sue affermazioni. Non esistono prove concrete che mostrino un legame diretto tra la posizione dei pianeti al momento della nascita di una persona e la sua personalità o destino.

2. Non falsificabile: Per essere considerata scienza, una teoria deve essere falsificabile, cioè deve essere possibile provarla sbagliata attraverso sperimentazioni. Le affermazioni astrologiche sono spesso vaghe e generali, rendendo impossibile sottoporle a test rigorosi per dimostrare la loro inesattezza.

3. Mancanza di meccanismo: La scienza richiede non solo che un fenomeno sia osservabile, ma anche che ci sia un meccanismo logico dietro di esso. L’astrologia non fornisce un meccanismo plausibile su come la posizione dei pianeti possa influenzare gli eventi terrestri o le personalità individuali.

4. Eredità storica: L’astrologia ha origini antiche e molte delle sue pratiche e credenze sono state formulate in un’epoca in cui la comprensione dell’universo era molto diversa da quella attuale. Mentre la scienza si adatta e cambia in base alle nuove scoperte, l’astrologia è rimasta in gran parte invariata nel tempo.

5. Effetto Forer (o effetto Barnum): Uno dei motivi per cui molte persone credono che l’astrologia sia accurata è a causa dell’Effetto Forer. Questo si verifica quando le persone ritengono che descrizioni vaghe e generali della personalità (come quelle spesso fornite dagli oroscopi) siano altamente accurate per loro personalmente, anche se in realtà sono vaghe abbastanza da applicarsi a molte persone.

6. Conflitto con le conoscenze attuali: La posizione delle stelle e dei pianeti al momento della nascita di una persona, come interpretata dall’astrologia, non corrisponde alla realtà astronomica a causa della precessione degli equinozi. Questo fa sì che molte persone nascano sotto un segno zodiacale diverso da quello che l’astrologia afferma.

In conclusione, mentre l’astrologia ha un grande fascino culturale e storico ed è apprezzata da molte persone come forma di intrattenimento o introspezione personale, non soddisfa i criteri della metodologia scientifica e pertanto è classificata come pseudoscienza.

Bibliografia

Lo “Speciale Astrologia” del CICAP

  • M. Hamilton, “Who believes in astrology? Effect of favorableness of astrologically derived personality descriptions on acceptance of astrology”, Personality and Individual differences 31:895-902 (2001).
  • B. R. Forer, “The fallacy of personal validation: a classroom demonstration of gullibility”, Journal of Abnormal and Social Psychology 44:118-123 (1949).
  • French, C. C., Fowler, M., McCarthy, K., Peers, D., “Belief in astrology: a test of the Barnum effect”, Skeptical Inquirer 15, 2:166-172 (1991) Poi in Frazier, K., Encounters with the Paranormal. Amherst: Prometheus (1998)
  • Dickson, D. H., Kelly, I. W., “The Barnum effect in personality assessment: a review of the literature” Psychological Reports 57:367-382 (1985)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui