Il nuovo aggiornamento algoritmico di Google, denominato March 2023 Core Update, è stato rilasciato esattamente 184 giorni dopo il precedente aggiornamento di settembre 2022. Negli ultimi sei mesi, ci sono state molte novità nel campo della ricerca online, quindi è importante monitorare attentamente gli eventuali cambiamenti che potrebbero verificarsi. Al momento, ci sono alcune informazioni disponibili che potrebbero essere utili per comprendere l’impatto di questo nuovo aggiornamento.

Detto in maniera semplice: per essere presenti in prima pagina su Google dovete seguire le logiche con cui questo motore di ricerca che è una delle multinazionali più ricche al mondo selezionano cosa far comparire nelle SERP, ovvero nelle ricerche che i vostri clienti fanno quotidianamente

Google ha recentemente annunciato il rilascio del March 2023 Core Update, e ha comunicato ufficialmente che il lancio completo richiederà circa due settimane. Come sempre, questa notizia è stata interpretata dagli specialisti SEO come un avviso per prepararsi a eventuali cambiamenti nei risultati di ricerca e nei posizionamenti dei siti web, in seguito alle modifiche apportate dall’algoritmo di Google.

I Broad Core Update, noti anche come aggiornamenti principali, sono parte della missione di Google di fornire risultati di ricerca utili e affidabili agli utenti. Dopo un’analisi approfondita, test e feedback sulla qualità dei risultati, che include anche il lavoro dei valutatori della qualità ma non influisce direttamente sul posizionamento, Google apporta modifiche al modo in cui i suoi sistemi valutano i contenuti nel complesso. Come conseguenza di questi cambiamenti, alcune pagine che prima non avevano un posizionamento elevato possono salire, mentre altre pagine che erano ben posizionate possono perdere visibilità.

Non si tratta di una penalità per chi viene retrocesso, poiché tendenzialmente non ci sono errori nel lavoro svolto e nei contenuti pubblicati. Semplicemente, ci sono pagine che, alla luce delle nuove valutazioni introdotte dall’aggiornamento, offrono contenuti migliori, ritenuti di maggiore qualità e più utili per gli utenti.

È importante monitorare gli aggiornamenti degli algoritmi di Google per avere un riferimento temporale nell’analisi delle prestazioni del nostro sito web e verificare se le pagine hanno avuto variazioni positive o negative in termini di posizionamento. È anche utile utilizzare strumenti come l’Osservatorio SERP per monitorare l’impatto degli aggiornamenti in termini quantitativi.

Volete sapere come posizionarvi in prima pagina su Google con la vostra attività?
Trovate una buona agenzia SEO. 
.
Avete domande? Scrivete a info@interiorissimi.it
Articolo precedentePerché licenziare gli autori per l’utilizzo di ChatGPT è un grave errore
Articolo successivoLa transizione tecnologica per un futuro sostenibile: il ruolo dell’IA nell’imprenditoria
Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte. Dopo gli studi al Politecnico di Torino e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui