Ideare tecnologie innovative combinando le attuali tecnologie spaziali con le potenzialità offerte dal mondo ICT: è partita ”Space Economy: Take your startup to space”, la sfida lanciata nel contesto delle challenge by students che ha come obiettivo la creazione di una nuova startup, contando sul supporto fornito da ESA BIC Turin e dalla sua rete di partner

Oggi si sente sempre più parlare di Space Economy. Negli ultimi anni lo spazio è diventato una risorsa fondamentale per il monitoraggio della Terra, per l’utilizzo delle telecomunicazioni, per i servizi di osservazione e geolocalizzazione.

L’utilizzo dei servizi satellitari ei dati raccolti dallo spazio fanno già parte della nostra quotidianità, e sono asset in grado di anticipare i bisogni della nostra società, migliorando la nostra vita.

ChallengeAtPoliTO

L’uso combinato e in costante crescita delle risorse spaziali con le tecnologie dell’informazione e della comunicazione rappresenta la spina dorsale della New Space Economy.

Il settore spaziale, che da tempo beneficia principalmente del sostegno finanziario istituzionale, sta assistendo a un ambizioso intervento di investitori privati. Le tecnologie spaziali, quindi, opportunamente combinate con le più avanzate Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT), rappresentano il trend tecnologico e di business che caratterizzerà la possibilità per molte aziende, in vari settori, di aumentare la propria competitività su scala globale attraverso l’innovazione a tutti livelli – dal prodotto/servizio, ai processi, fino al modello di business complessivo.

In questo contesto, l’ESA Business Incubation Center (ESA BIC) di Torino, di recente fondazione, supporterà la crescita di nuove startup italiane legate allo spazio. Le attività, svolte in coordinamento con ASI ed ESA, mirano ad offrire alle startup selezionate numerose opportunità di sviluppo tecnologico, business coaching e mentoring, consulenza legale, accesso ai capitali per la crescita e l’integrazione nell’ecosistema industriale italiano ed europeo.

Agli studenti partecipanti verrà chiesto di concepire tecnologie nuove e innovative attraverso la combinazione delle attuali tecnologie spaziali e ICT.

I campi di applicazione possono essere di diversa natura:

  • Osservazione della Terra
  • Comunicazione satellitare
  • Mobilità
  • Agricoltura
  • Energia
  • Robotica/meccatronica o materiali
  • Monitoraggio ambientale
  • Navigazione satellitare o servizi mobili
  • Obiettivo della Challenge sarà la creazione di una nuova startup, in grado di avvalersi del supporto fornito da ESA BIC Torino e dalla sua rete di partner.

Programma del corso ‐ Economia spaziale

Per qualsiasi domanda scrivi a clik@polito.it

Lo spazio abilitatore di nuove figure professionali: l’Interior Designer spaziale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui