Oggi prende il via l’operatività della compagnia di Richard Branson nel settore dei voli spaziali commerciali, con l’evento inaugurale della missione Galactic 01.

Questo storico volo avrà luogo presso lo Spaceport America, situato nel New Mexico, e avrà a bordo quattro cittadini italiani. Il colonello Walter Villadei e il tenente colonnello Angelo Landolfi, entrambi dell’Aeronautica Militare Italiana, e Pantaleone Carlucci, ingegnere e ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Con loro c’è il pilota Nicola Pecile, di Udine, unico collaudatore del nostro Paese finora selezionato dalla Virgin Galactic.

L’appuntamento per il decollo del Virgin Galactic è fissato alle 17:00, ora italiana, poiché oggi inizia la sua attività di voli spaziali commerciali con la missione Galctic 01. Il lancio avverrà dallo Spaceport America nel New Mexico e a bordo saranno presenti tre italiani: gli ufficiali dell’Aeronautica Militare Walter Villadei e Angelo Pandolfi, insieme a Pantaleone Carlucci del Consiglio Nazionale delle Ricerche d’Italia. Insieme a loro ci saranno i due piloti e Colin Bennet, un istruttore di Virgin Galactic e veterano dei voli suborbitali organizzati dall’azienda.

La missione sarà trasmessa in diretta sul sito web della società fondata da Richard Branson nel 2004. L’obiettivo dei 90 minuti di volo previsti è quello di condurre 13 esperimenti supervisionati e autonomi, raccogliendo dati sulle tute spaziali e sui sensori presenti nella cabina. Gli esperimenti includono la misurazione dei livelli di radiazione nella mesosfera e lo studio di come certi liquidi e solidi si mescolano in condizioni di microgravità.

Nasce a Torino l’acceleratore Takeoff: oltre 21 milioni di investimenti per l’aerospazio e l’advanced hardware

Circa 800 biglietti per futuri voli commerciali sono stati venduti da Virgin Galactic, con i pagamenti effettuati tra il 2005 e il 2014. I prezzi di questi biglietti variavano tra 200.000 e 250.000 dollari. Tuttavia, gli ultimi 200 biglietti venduti hanno raggiunto un costo di 450.000 dollari ciascuno.

Virgin Galactic utilizza un’astronave madre con due piloti, che decolla da una pista, guadagna quota e poi rilascia un’astronave a razzo che si spinge nello spazio a una velocità di quasi Mach 3, prima di fare ritorno sulla Terra. Durante il volo, i passeggeri a bordo dell’astronave sperimentano alcuni minuti di assenza di gravità e possono ammirare la curvatura del pianeta da un’altitudine di oltre 80 chilometri.

Il sito di Virgin Galactic: www.virgingalactic.com

L’articolo di approfondimento del nostro redattore, giornalista scientifico su La Stampa, Antonio Lo Campo

Tutto pronto per il primo volo commerciale e “italiano” di Virgin Galactic [link]

I nostri eventi del 2023

Torino diventa capitale dello Spazio con lo Space Festival dal 4 al 7 maggio

Dai droni all’esplorazione spaziale: opportunità per imprese e startup

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui