È partito il progetto per la creazione di un consorzio industriale che includerà aziende di varie dimensioni nell’ambito nazionale, in vista dell’inizio della fase di implementazione del Multi-Purpose Habitat, il primo insediamento abitativo permanente progettato per il satellite terrestre

Artemis: Thales Alenia Space realizzerà per Asi la “casa sulla Luna”

Thales Alenia Space Italia, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), svilupperà un modulo abitativo destinato alla Luna, noto come Multi-Purpose Habitat (MPH). Questo habitat sarà il primo insediamento permanente sulla superficie lunare, segnando un importante contributo italiano nel campo dell’esplorazione spaziale. Il MPH si aggiunge al ruolo già significativo dell’azienda nella progettazione e costruzione di moduli per la stazione orbitante Gateway, come Halo, I-Hab e Esprit.

Franco Fenoglio di Thales Alenia Space ha evidenziato l’importanza storica del MPH come primo modulo abitativo italiano sulla Luna. Il progetto ha ottenuto un riconoscimento significativo a metà ottobre, superando la “Element Initiation Review” della NASA, che ha evidenziato le funzionalità essenziali del modulo italiano per il programma Artemis e la sua architettura di superficie lunare.

 

Viaggio nell’Infinito con “Gravità Zero – Radio Galattica per Autostoppisti”

Italia protagonista nella corsa allo spazio

Il programma Artemis mira a stabilire una presenza umana sostenibile sulla Luna, fungendo anche da preparazione per future missioni marziane. In questo contesto, la sede di Torino della Thales Alenia Space, supportata dall’ASI, emerge come leader mondiale nella progettazione, costruzione e gestione di moduli abitativi spaziali, con il contributo di Altec.

La prossima sfida importante per l’industria in collaborazione con l’ASI e la NASA sarà il superamento della Mission Concept Review (MCR), pianificata per il primo trimestre del 2024. Questo passaggio è cruciale per l’approvazione del proseguimento del progetto nelle fasi di progettazione e sviluppo delle tecnologie critiche.

Consorzio industriale

Per affrontare le sfide dell’abitare in un ambiente ostile come la Luna, Thales Alenia Space dovrà formare un consorzio industriale con imprese di varie dimensioni nel settore nazionale, per iniziare la fase implementativa. L’obiettivo è garantire la creazione di un modulo abitativo multi-funzionale, sicuro e confortevole per gli astronauti, capace di integrarsi con gli altri sistemi e componenti dell’architettura Artemis, sfruttando le capacità tecnologiche e produttive del “sistema Italia”.

Move to reality: decolla a Torino la Città dell’Aerospazio

Articolo precedenteFine del mercato tutelato luce e gas: cosa accadrà ora?
Articolo successivoFrank Zappa: 40 anni fa addio a un grande
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e al design Ha fondato ADI - Agenzia Digitale Italia, per la diffusione di notizie stampa su media web, radio e TV locali e nazionali Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui