Dal 29 al 31 maggio, l’Aula Magna della facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Brescia ospiterà un incontro tra esperti dei settori tecnologico, accademico e della ricerca per discutere di infrastrutture e competenze digitali, intelligenza artificiale, big data e cybersecurity.

L’Università degli Studi di Brescia organizzerà la Conferenza annuale GARR, un evento per condividere esperienze sull’utilizzo delle infrastrutture e dei servizi digitali in diversi contesti. Il tema di quest’anno è “Navigare la complessità: infrastrutture e competenze digitali per la ricerca”. L’evento si terrà dal 29 al 31 maggio nell’Aula Magna della Facoltà di Medicina in viale Europa 11, Brescia.

«La Conferenza GARR è un’opportunità unica a livello nazionale per riunire professionisti di vari settori disciplinari» afferma il Prof. Maurizio Tira, Presidente GARR. Questo incontro è cruciale per permettere alla comunità accademica e di ricerca italiana di affrontare in modo collaborativo le sfide e le opportunità dell’innovazione digitale, posizionandosi in primo piano nella competizione internazionale.

Ogni giorno della conferenza sarà dedicato alle più recenti innovazioni e al loro impatto sulla ricerca scientifica e sulla formazione.

Mercoledì 29 maggio L’evento inizierà con i saluti del Rettore dell’Università di Brescia, Francesco Castelli, e del Presidente GARR, Maurizio Tira. Seguirà un intervento di Massimo Carboni, Chief Technical Officer di GARR, sulle opportunità e sfide della tecnologia digitale. La giornata proseguirà con una tavola rotonda su infrastrutture e competenze digitali per università e ricerca, con la partecipazione di rappresentanti di istituzioni, università ed enti di ricerca come Giovanna Iannantuoni, Giuseppe Gervasi, Giorgio Graditi, Luca Dell’Agnello, Paolo Giuseppe Ravazzani, Mario Locati, Andrea Possenti e Maurizio Tira.

Nel pomeriggio, il focus sarà sulle nuove frontiere dell’intelligenza artificiale, esaminando i progressi, le implicazioni e i rischi di questa tecnologia in Italia, con particolare attenzione alla creazione di un Large Language Model adattato alle esigenze locali.

Giovedì 30 maggio La seconda giornata sarà dedicata alle strategie per affrontare i rapidi cambiamenti digitali, con sessioni su big data, digital twin, infrastrutture di ricerca avanzate, supercalcolo e comunicazioni quantistiche. La giornata terminerà con una discussione sulle novità in ambito di sicurezza informatica e il loro impatto accademico, con esperti come Gianluca Galasso e Roberto Caramia dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.

Venerdì 31 maggio L’ultimo giorno sarà incentrato su scienza aperta e autonomia digitale, esaminando l’importanza della condivisione e il ruolo delle piattaforme digitali nella promozione dell’indipendenza e della trasparenza. Si parlerà anche di diritti digitali, privacy e protezione dei dati, sottolineando l’importanza di una formazione adeguata per prevenire l’uso improprio dei dati personali.

È possibile partecipare all’evento in presenza oppure da remoto. Programma
dettagliato e iscrizioni sul sito https://conf24.garr.it/it/

Aerospazio e Intelligenza Artificiale: due corsi all’Environment Park di Torino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui