In mezzo a una serie di problemi economici come l’instabilità del mercato immobiliare, la crisi del settore bancario non regolamentato, il declino degli investimenti stranieri, livelli record di disoccupazione tra i giovani e un calo demografico senza precedenti, le notizie ottimistiche riguardo all’economia cinese sono scarse ultimamente.

Tuttavia, una luce brillante in questo panorama è Temu, la nuova piattaforma di ecommerce che sta conquistando l’Italia e guadagnando terreno in gran parte del mondo occidentale.

Cosa rende Temu così speciale?

Una combinazione di prezzi incredibilmente bassi e una strategia pubblicitaria assertiva online.

In poco più di dodici mesi, Temu ha conosciuto un’espansione globale fenomenale, stabilendo persino il suo quartier generale statunitense a Boston. Tuttavia, le sue radici sono a Shanghai, sotto l’egida di Pdd Holdings, un gigante del digitale cinese che supervisiona anche Pinduoduo, un’altra piattaforma che ha visto una crescita esplosiva nel mercato interno in anni recenti. Questo successo è dovuto in gran parte a strategie di vendita rivoluzionarie, come il social commerce e il modello consumer-to-manufacturer. In pratica, è un ibrido unico e all’avanguardia tra una piattaforma ecommerce tradizionale e un social network, con un’attenzione specifica ai prodotti destinati alle aree rurali cinesi.

I 10 migliori ecommerce di arredamento moderno

Prezzi bassi e competitivi

Il motivo per cui Temu offre prezzi così competitivi è dovuto al suo modello d’affari che riduce al minimo il ruolo degli intermediari tra fornitori e consumatori. Grazie a questo, i venditori cinesi possono spedire direttamente ai clienti internazionali, evitando i costi legati ai magazzini nel paese di destinazione. Questa strategia contribuisce a offrire prodotti a basso costo, come scarpe da ginnastica per meno di 10 dollari o set di spazzole per trapano a soli 6 dollari, con frequenti offerte speciali per periodi limitati.

A differenza del suo predecessore Pinduoduo, Temu punta principalmente, se non esclusivamente, sul mercato internazionale. Questa scelta si è rivelata vincente: l’app è una delle più scaricate negli Stati Uniti, ulteriormente spinta da un annuncio durante l’ultimo Super Bowl. La presenza dell’azienda sui social media è imponente, comprese piattaforme come Instagram, Facebook e Snapchat. Temu ha anche goduto di ampia visibilità su TikTok, con l’hashtag #temu accumulando centinaia di milioni di visualizzazioni.

Similmente a TikTok e Shein, Temu ha un focus globale, un tentativo di aggirare la concorrenza feroce nel mercato cinese. Questo impegno si riflette nei suoi risultati finanziari: Pdd Holdings ha segnalato una crescita dei ricavi del 66%, superando le aspettative e molti dei suoi concorrenti cinesi.

Tuttavia, non è tutto oro ciò che luccica

I margini di profitto sono stati finora contenuti, in parte a causa degli ingenti costi pubblicitari. Come altre imprese cinesi in rapida crescita, Temu deve affrontare sfide legali e di conformità, sia a livello nazionale che internazionale. Attualmente è in corso una causa legale con Shein, mentre i politici statunitensi esprimono preoccupazioni sui possibili rischi per la sicurezza, inclusa la legge cinese sulla sicurezza nazionale che potrebbe permettere l’accesso ai dati degli utenti. Nonostante queste preoccupazioni, Temu continua a essere disponibile per il download, anche se Android ha interrotto la possibilità di scaricare Pinduoduo. Emerge quindi un nuovo modello, in cui la crescita rapida dei giganti digitali cinesi sta attirando sempre più attenzione anche sul piano politico.

Gli italiani e lo shopping online: come è cambiata la spesa ecommerce

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui