Termini Nautici: I Nomi Della Barca Da Sapere e Altre Assurde Esclamazioni

Navigare è un’esperienza che coinvolge non solo la libertà di solcare i mari ma anche una vasta gamma di termini e linguaggio specifico che può confondere i novizi. Se state pensando di prendere il largo, è essenziale familiarizzare con i vari nomi delle parti della barca e con alcune espressioni utilizzate comunemente in ambito nautico.

Parti della Barca

  1. Prua: la parte anteriore della barca.
  2. Poppa: la parte posteriore della barca.
  3. Bordo: i lati della barca (tribordo è il lato destro; babordo è il lato sinistro quando si guarda in direzione della prua).
  4. Chiglia: la spina dorsale della barca, corre dal timone alla prua.
  5. Timone: l’appendice sotto la poppa che controlla la direzione.
  6. Albero: il palo verticale che sostiene le vele.
  7. Vela: il tessuto teso tra l’albero, i cavi e la barca, utilizzato per catturare il vento.
  8. Winch: un meccanismo per avvolgere cavi o corde.
  9. Bozzello: una puleggia utilizzata per cambiare la direzione di una corda.
  10. Sartia: cavi che sostengono l’albero.

Termini Nautici: i Nomi della Barca da conoscere

Espressioni e Comandi

  1. “A tutta vela!”: un comando per aprire tutte le vele e accelerare.
  2. “Uomo a mare!”: indica che una persona è caduta in acqua.
  3. “Onda a prua!”: un avviso che un’onda significativa si sta avvicinando dalla direzione anteriore.
  4. “Arridate!”: un comando per tirare una corda o un cavo.
  5. “Ammaina la vela!”: un comando per abbassare la vela.

Espressioni Marinaresche 

Se siete nuovi al mondo della nautica, potreste essere sorpresi da alcune esclamazioni che potrebbero suonare quasi come un’altra lingua. Il linguaggio nautico è noto per i suoi termini specifici e talvolta inusuali. Ecco alcune espressioni marinaresche, spesso fraintese, con una spiegazione più chiara.

  1. Cazzare la Randa

    • Parafrasi: Alziamo la vela principale.
    • Spiegazione: Questa espressione si riferisce all’atto di issare la vela centrale della barca. Non c’è alcuna connessione con termini volgari.
  2. Tirare dentro la Mutanda

    • Parafrasi: Sistemiamo il fiocco intrappolato.
    • Spiegazione: Questo comando significa che il fiocco è rimasto bloccato e qualcuno deve liberarlo manualmente. Non ha nulla a che fare con l’abbigliamento personale.
  3. Fare una Strambata

    • Parafrasi: Cambiamo direzione con la barca.
    • Spiegazione: Significa cambiare la direzione della barca in un modo specifico. Se fatto intenzionalmente è ok; se fatto per errore, può creare problemi.
  4. Regola il Patarazzo

    • Parafrasi: Ajustiamo la cima che collega l’alto dell’albero alla parte posteriore della barca.
    • Spiegazione: Questo non ha nulla a che fare con compiti domestici; è un comando per sistemare una specifica cima sulla barca.
  5. Leghiamoci al Corpo Morto

    • Parafrasi: Ancoriamoci a un oggetto pesante sul fondo marino.
    • Spiegazione: “Corpo morto” si riferisce a un oggetto pesante sul fondo marino utilizzato per ancorare la barca. Non c’è alcuna implicazione macabra.
  6. Stiamo Andando a Scogli!

    • Parafrasi: Stiamo avvicinandoci pericolosamente alla riva o agli scogli!
    • Spiegazione: Questo avviso significa che la barca si sta avvicinando troppo a una zona pericolosa, come una riva rocciosa o degli scogli.
  7. Batticulo all’Ormeggio

    • Parafrasi: Utilizziamo uno specifico tipo di ormeggio, a volte chiamato “spring”.
    • Spiegazione: Non c’è nulla di improprio; si riferisce a un particolare metodo di ormeggio della barca.

La comprensione di queste espressioni può essere fondamentale per una navigazione sicura e piacevole. Così, quando sentite uno di questi termini, saprete che non c’è motivo di arrossire o di confondersi.

Termini in lingua inglese 

  1. “Shiver me timbers!”: un’espressione di sorpresa o incredulità, spesso associata ai pirati.
  2. “Avast ye!”: un modo per dire “fermati” o “presta attenzione”.
  3. “Heave ho!”: usato spesso durante gli sforzi fisici come tirare una corda.
  4. “Land ho!”: usato per annunciare la vista della terra.
  5. “Yo-ho-ho!”: una sorta di grido di gioia o eccitazione, spesso associato ai pirati.

Comprendere il linguaggio della nautica è fondamentale per navigare in modo sicuro e godersi appieno l’esperienza in mare. Non solo vi aiuterà a comunicare in modo più efficace con il vostro equipaggio, ma vi farà anche sentire più a casa mentre navigate attraverso le onde. Così, la prossima volta che sentite un “Avast!” o un “A tutta vela!”, saprete esattamente cosa fare.

Un corso sul refitting delle imbarcazioni: Yacht Interior Design – Staging

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui