La mostra “Private Luxury Trilogy”, la cui presentazione si è svolta il 22 settembre, alle ore 18.30, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi è un’opera compenetrante, che ha come interprete principale le magnificenze di Pompei ed Ercolano

La mostra "Private Luxury Trilogy", la cui presentazione si è svolta il 22 settembre, alle ore 18.30, presso l'Istituto Italiano di Cultura di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi è un’opera compenetrante, che ha come interprete principale le magnificenze di Pompei ed Ercolano.

Una narrazione che spiega le interconnessioni  fra l’Antica Roma e la Penisola Arabica, terra di sapori, profumi, spezie, colori che muovendosi attorno al Mediterraneo divennero espressione di una contaminazione, nella sua accezione più positiva, sotto l’aspetto culturale, sociale ed economico.

Il progetto artistico e innovativo è curato da Kif Italia (www.kifitalia.com) e ha, come obiettivo principale, consentire di vivere, assaporare la cultura, in modo avanguardista. La cultura si spettacolarizza, attraverso l’impiego della tridimensionalità, video installazioni, che consentono una divulgazione attraverso un processo multisensoriale.

Tutti i sensi vengono sviluppati in un’unica commistione di immagini, suoni e profumi, vividi e intensi, che diventano patrimonio non solo culturale, ma nutrimento per la  conoscenza e il sapere, ma attraverso un rilievo,  una proporzione unica nel suo genere.

La mostra "Private Luxury Trilogy", la cui presentazione si è svolta il 22 settembre, alle ore 18.30, presso l'Istituto Italiano di Cultura di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi è un’opera compenetrante, che ha come interprete principale le magnificenze di Pompei ed Ercolano

L’archetipo è quello di rendere gli spettatori calati in una dimensione differita ed interrotta nel tempo, in quegli istanti che hanno precorso la tragica eruzione, la gravità dei momenti successivi e infine la celebrazione della memoria con la scoperta degli scavi archeologici.

L’evento presenta composizioni musicali del Maestro Furio Valitutti, che trae ispirazione dalle opere “De Vitiis” e “De Musica” di Filodemo da Gadara. Federico Baciocchi e Valerio Ronzitti sono responsabili della produzione. Inoltre, l’esperienza sarà arricchita dalla diffusione di un profumo creato appositamente per l’occasione, grazie alla collaborazione tra KIF e esperti profumieri italiani.

Sito web: https://iicabudhabi.esteri.it/iic_abudhabi/en/gli_eventi/calendario/2023/09/private-luxury-exhibition.html

Interiorissimi in diretta dagli Emirati Arabi Uniti con Abu Dhabi

Articolo precedenteVienna Design Week: cosa vedremo nell’edizione 2023
Articolo successivoI diversi tipi di stufe a legna e i loro vantaggi
Corrispondente da Abu Dhabi (Emirati Arabi) Ha frequentato la facoltà dì giurisprudenza di Ravenna, distaccamento di Alma Mater di Bologna. Sposata con due figli, ha intrapreso la scelta famigliare di vita all’estero. Ha trascorso diversi anni in Egitto, operando in varie associazioni umanitarie del luogo e vissuto in prima persona la primavera araba e le trasformazioni del Paese dal punto di vista geopolitico. È appassionata di fotografia e di arte in genere. Ha gestito un blog semiserio rivolto alle mamme all’estero. Trasferita negli Emirati Arabi Uniti, ad Abu Dhabi, ha provato a rimettersi in gioco frequentando un Corso di Interior Design e raccontando le meraviglie del mondo arabo, mistero, tradizione e fascino di un’architettura e di un design cosmopoliti. Vive nelle Etihad Towers, un complesso di 5 grattacieli, che rappresentano un’attrazione di Abu Dhabi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui