Su Twitter, un utente scrive: “TikTok sta uccidendo il suo clone di BeReal, TikTok Now”, e altri commentano dicendo “grazie a Dio“.

La storia di TikTok Now è breve ed è la storia di un plagio fallito. ByteDance, la società proprietaria di TikTok, ha creato la propria versione di BeReal a settembre 2022, promettendo agli utenti di ricevere una notifica ogni giorno e di scattare una foto o girare un video da condividere con la community entro tre minuti. Tuttavia, nemmeno 10 mesi dopo, compaiono screenshot su Twitter in cui l’azienda spiega di aver interrotto TikTok Now e di essere in fase di aggiornamento dell’esperienza di TikTok, anche se non è chiaro quando la funzionalità scomparirà definitivamente.

Questa situazione non sorprende. Affermava infatti il New York Times ad aprile che BeReal contava circa 6 milioni di utenti attivi, che sono diventati 15 milioni a ottobre. Tuttavia, l’app ha registrato un calo del 61% rispetto al suo picco, quando la Generazione Z l’aveva accolta come un’alternativa autentica a Instagram e TikTok. Il grande punto di forza di BeReal era la notifica a sorpresa, che permetteva agli utenti di mostrarsi senza filtri, pose, trucco o parrucco. Così, TikTok ha deciso di seguirne le orme e ha lanciato TikTok Now a settembre 2022. Tuttavia, questa nuova funzionalità si è rivelata un fallimento. Nonostante i 150 milioni di utenti attivi su TikTok, pochissimi hanno scelto di utilizzare la versione Now. Inoltre, una ricerca condotta da Mashable ha rivelato che le tre domande più frequenti su Google riguardanti “TikTok Now” erano: “Che cos’è TikTok Now?”, “Qual è la differenza tra TikTok Now e BeReal?” e “Come posso eliminare TikTok Now?”

La piattaforma BeReal ha sorpassato TikTok come l’app più scaricata negli Stati Uniti quest’estate, dando il via alla corsa a TikTok Now. La filosofia di BeReal è basata su un concetto semplice: contrastare la tendenza di rappresentare eccessivamente la realtà. Questo è stato uno dei principali punti critici rivolti alle piattaforme che ospitavano profili costruiti appositamente, con foto ritoccate che mostravano una felicità plastica o modelli irraggiungibili. BeReal, attraverso un accorgimento tecnico, ha cercato di rompere questo velo.

Per migliorare la narrazione della propria vita su BeReal, gli utenti sono autorizzati a pubblicare solo in determinati momenti della giornata, quando ricevono una notifica. Se non lo fanno, non possono accedere ai contenuti della community e devono aspettare la notifica del giorno successivo per poter pubblicare. TikTok ha preso spunto da questa caratteristica e ha aggiunto l’opzione di condividere video di dieci secondi, oltre alle foto.

Tuttavia, TikTok non è stato l’unico social network a copiare BeReal. A agosto, Snapchat ha lanciato una funzionalità a doppia fotocamera che ha arricchito le opzioni di modifica e layout disponibili nella notifica giornaliera di BeReal. Nel frattempo, Instagram ha anche testato la propria versione di questa funzione chiamata Candid Stories. Non è una novità che le grandi aziende cerchino di respingere potenziali concorrenti imitando le caratteristiche uniche, ma questa strategia non sempre si rivela efficace, come dimostra anche questo caso. Al momento, TikTok non ha ancora fatto un annuncio ufficiale e la pagina di supporto del servizio non è stata aggiornata per segnalare una chiusura definitiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui