Il trasloco rappresenta un’attività particolarmente stressante, per tutto quello che comporta. Il fatto di trasferirsi magari lontano chilometri e chilometri dalla propria abitazione già può essere impattante dal punto di vista psicologico ed è chiaro che, con tutto quello che c’è da organizzare, si tratta di una vera e propria faticaccia.

Per questo motivo, tantissime persone affidano il proprio trasloco Lucca o in altre città a delle aziende specializzate, che si occupano di tutto dalla A alla Z. Affrontare il trasloco comporta la necessità di organizzare un gran numero di attività, ma è fondamentale che tutto venga fatto con il giusto approccio e con la corretta mentalità.

Quanto costa fare un trasloco

Come si può facilmente intuire, nel corso degli ultimi anni qualsiasi costo è aumentato in maniera importante. Quindi, rispetto a qualche anno fa, anche i prezzi legati a un trasloco sono cresciuti. D’altro canto, riuscire a fare una stima che sia sufficientemente precisa di un trasloco non è così semplice come si potrebbe pensare, dato che ci sono così tanti aspetti da tenere in considerazione.

Proviamo a quantificare, in maniera chiaramente piuttosto grossolana, quelli che sono i principali costi da sopportare per un trasloco Livorno. Si parte con l’imballaggio, che comporta dei costi che di solito si aggirano tra 150 e 350 euro. Il costo del trasloco, affidandosi chiaramente a una ditta esperta e specializzata in questo ambito, cambiano in base al numero di mobili che dovete spostare.

Quindi, in caso di un monolocale, il prezzo indicativo del trasporto dei mobili, comprensivo di smontaggio e montaggio presso la nuova abitazione, va da 150 fino a 800 euro. Per una casa completa può arrivare anche fino a 3-4000 euro. A tali somme va poi aggiunta eventualmente anche la distanza da affrontare per gli spostamenti tra le due abitazioni. In ogni caso, conviene farsi fare diversi preventivi, in modo tale da poter scegliere poi quello più adatto alle proprie esigenze, anche ovviamente dal punto di vista economico.

I fattori che incidono maggiormente

Tra gli elementi che possono condizionare di più i costi da sopportare per effettuare un trasloco Prato, troviamo senza ombra di dubbio la distanza. Nella maggior parte dei casi, la ditta che si occupa del trasloco non applica alcun sovrapprezzo fino al massimo a 150 chilometri, ma è chiaro che, se il camion al ritorno debba fare un giro a vuoto, potrebbe essere anche essere calcolata la somma di tale spostamento.

Di solito, la tariffa basica per un trasloco che avviene rimanendo entro i confini nazionali si aggira intorno a 1 euro per ciascun chilometro di distanza che intercorre tra la città da cui si parte fino a quella di destinazione. È facile intuire come, al contrario, con i traslochi internazionali, tale importo cresce notevolmente e tocca cifre a tre, se non spesso anche a quattro zeri.

Tra gli altri aspetti da considerare troviamo il volume degli oggetti che devono essere trasportati, ma anche i costi dell’imballaggio. Non è semplice fare una previsione del volume degli oggetti che vanno trasferiti. Di solito, si fa un conteggio piuttosto superficiale legato al numero delle stanze, ma anche in relazione al quantitativo di mobili presenti.

Interessante mettere in evidenza come anche le attività di imballaggio possono comportare dei costi piuttosto alti. Potete scegliere di pensarci in autonomia, oppure si può anche pensare di affidare anche questa attività ad un’azienda specializzata. Altrimenti, si può optare per una via di mezzo, lasciando che l’azienda svolga le operazioni di imballaggio solamente in riferimento ai mobili più fragili e agli elettrodomestici. Ad ogni modo, la ditta di traslochi a cui vi affidate, vi dovrà mettere a disposizione tutto l’occorrente per tale operazione, ovvero scatole e scatoloni, ma anche nastro adesivo e così via.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui