di Claudio Pasqua

“Milani”, sviluppato da Tyvak International, una giovane azienda con sede a Torino, rappresenta un primo passo verso la difesa della Terra dagli asteroidi. Questo satellite, il cui nome onora il matematico italiano Andrea Milani, simboleggia l’impegno dell’azienda nella protezione planetaria. Con un team composto da giovani professionisti, Tyvak ha già lanciato dieci satelliti operativi dall’inizio della sua avventura nel 2015. “Milani” segna il loro ingresso in una collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea e la NASA.

Il target di questa missione è l’asteroide Didymos, che rappresenta una potenziale minaccia per il nostro pianeta. Dopo un primo intervento che ha deviato la traiettoria dell’asteroide, seppur con esiti leggermente diversi dalle aspettative, si rende necessario un ulteriore controllo per monitorare l’evoluzione della situazione.

Il target di questa missione è l’asteroide Didymos, che rappresenta una potenziale minaccia per il nostro pianeta. Dopo un primo intervento che ha deviato la traiettoria dell’asteroide, seppur con esiti leggermente diversi dalle aspettative, si rende necessario un ulteriore controllo per monitorare l’evoluzione della situazione.

tyvak

La missione di “Milani”, che si avvarrà della sonda Hera per raggiungere lo spazio profondo, ha l’obiettivo di studiare le conseguenze dell’impatto sull’asteroide Didymos. Nonostante le sue dimensioni ridotte, il satellite dimostra l’importanza strategica di piccole aziende nel settore aerospaziale, evidenziando come anche strutture di minori dimensioni possano contribuire significativamente alla difesa planetaria.

Questo progetto non solo ha rafforzato il legame di Tyvak con istituzioni universitarie e aziende internazionali, ma ha anche generato nuove opportunità di lavoro, sottolineando il potenziale di crescita e innovazione nel distretto spaziale di Torino.

Intervista a Giuseppe Santangelo (Tyvak International): a Torino si costruisce il futuro industriale aerospaziale

Articolo precedenteCamera da letto: i trend imprescindibili nel 2024
Articolo successivoCome Ricerca Inversa Immagini aiuta a combattere la Disinformazione Online
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e alla bioarchitettura. Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui