Il Presidente del MAXXI Alessandro Giuli e il Presidente della Triennale di Milano Stefano Boeri si recheranno a Odessa il 6-7 settembre per incontri con le autorità locali e un’esplorazione dei luoghi danneggiati, iniziando dalla Cattedrale della Trasfigurazione. Insieme a loro, parteciperanno alla visita anche la Direttrice dell’Unesco per l’Ucraina, Prof. Chiara Dezzi Bardeschi, e l’Ambasciatore d’Italia Pier Francesco Zazo.

Quest’iniziativa è stata annunciata dal Ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani durante il vertice europeo di Toledo, dove ha coinvolto i suoi omologhi dell’Unione Europea e il Ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba. Durante la visita a Odessa sarà presente anche il nuovo Inviato Speciale del Ministro per la Ricostruzione dell’Ucraina, Davide La Cecilia.

Nel video seguente la notizia della distruzione della Cattedrale della Trasfigurazione di Odessa ad opera della Russia

Questa visita fa parte del progetto promosso dalla Triennale e dal MAXXI, con il sostegno della Presidenza del Consiglio, del MAECI e del Ministero della Cultura, che mira a creare un Laboratorio sulla Ricostruzione dell’Ucraina. L’obiettivo del progetto è coinvolgere istituzioni culturali italiane e internazionali, studi di architettura e ingegneria, aziende e soggetti economici nell’ambito della rigenerazione urbana e architettonica delle città e del patrimonio culturale ucraino. Questo progetto mira a creare un hub europeo per la ricostruzione, con un’attenzione particolare alle infrastrutture sociali come le scuole e le istituzioni culturali.

L’architetto Stefano Boeri ha dichiarato che il loro obiettivo a Odessa è mettere a disposizione le loro competenze per ricostruire edifici colpiti dalla guerra, iniziando con una ricognizione nella cattedrale. Hanno anche attivato la Società Italiana del Restauro Architettonico per questo scopo. Il loro intento è contribuire alla ricostruzione dell’architettura di Odessa e, di conseguenza, alla ripristinazione della normalità in un paese che cerca la pace.

Inoltre, il Ministero degli Esteri, in collaborazione con il MAXXI e la Triennale, organizzerà un evento a Milano il 31 ottobre 2023 per lanciare ufficialmente il progetto del Laboratorio, con la partecipazione del governo ucraino e dei soggetti culturali ed economici interessati.

Questa iniziativa potrebbe anche portare all’assunzione da parte dell’Italia del ruolo di patrono per la ricostruzione della Città di Odessa, la cui Città Vecchia è stata recentemente inserita nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO grazie al sostegno decisivo dell’Italia. Ci sono diverse ragioni a favore di questa scelta, tra cui il legame storico tra Odessa e l’Italia sin dalla sua fondazione, la presenza di una comunità italiana influente, e i gemellaggi attivi con Genova e Venezia. Inoltre, la posizione di Odessa come punto di transito cruciale per gli scambi commerciali, inclusi quelli legati alla sicurezza alimentare mondiale, rende questa iniziativa ancor più significativa, dato l’interesse diretto dell’Italia in questo settore.

Il sostegno alla ricostruzione dell’Ucraina rappresenterà uno degli obiettivi prioritari durante la Presidenza G7 dell’Italia l’anno prossimo. Ciò sarà ulteriormente sottolineato con l’organizzazione della Ukraine Recovery Conference nel 2025, con l’obiettivo di creare le basi per un’Ucraina prospera e indipendente all’interno della famiglia europea.

Stefano Boeri e la Casa del Futuro: intervista all’architetto 

Articolo precedenteGiornata mondiale del benessere sessuale: tanti i tabù da abbattere
Articolo successivoMercato immobiliare: previsioni per il 2024
Giornalista scientifico. Dopo gli studi al Politecnico di Torino, laurea in ingegneria, e un Master in Scienze della Comunicazione svolge le sue prime docenze presso la Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Nel 1998, sotto la supervisione del direttore del laboratorio modelli reali e virtuali, realizza l’opera multimediale vincitrice del Premio Compasso d’Oro Menzione d’Onore. Ha collaborato e diretto da oltre 20 anni decine di testate giornalistiche. Ha pubblicato due libri sulla comunicazione digitale di impresa ed è stato relatore di tesi al Matec – Master in Progettazione e Management del Multimedia per la Comunicazione (Torino) e all’estero (Miami, USA). Attualmente insegna comunicazione digitale e nuovi media, giornalismo scientifico e materie legate alla progettazione architettonica e al design Ha fondato ADI - Agenzia Digitale Italia, per la diffusione di notizie stampa su media web, radio e TV locali e nazionali Contatti Email: info@interiorissimi.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui